FORLI' - Sicurezza stradale, Nervegna (FI) si scaglia contro Comune e Provincia

FORLI' - Sicurezza stradale, Nervegna (FI) si scaglia contro Comune e Provincia

FORLI’ - Antonio Nervegna , consigliere regionale e comunale di Forza Italia chiede il conto alle amministrazioni locali gestite dal centrosinistra (Comune di Forlì e Provincia di Forlì-Cesena, in primis) di quella che ha definito: “la tragedia annunciata nelle politiche della sicurezza”.


“In tema di sicurezza stradale e urbana la situazione è grave – spiega lo stesso capogruppo azzurro –. Per numero di sinistri, morti e feriti sulla strada la provincia di Forlì-Cesena non sembra riuscire a scrollarsi da dosso percentuali che la pongono sempre fra le prime della graduatoria nazionale. E la somma dei danni è da doversi addebitare tanto a politiche governative nazionali quanto a quelle locali. In materia di motorizzazione, per esempio, pesano da un lato la fiscalità ed i tributi relativi alla proprietà dell’auto, mentre dall’altro vengono destinate poche risorse all’ammodernamento delle arterie e della segnaletica stradale, soprattutto quella orizzontale, con una tempestività nella soluzione delle varie emergenze a volta da… tartaruga”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sul versante dei controlli dell’ordine pubblico e della velocità – aggiunge Antonio Nervegna - la situazione è disarmante: i controlli sulle strade sono inadeguati, la protezione dei pedoni e degli altri utenti deboli della strada non è imposta come caldeggiano molte associazioni a partire dall’Asaps, mentre, al contrario, sembra più utile per le varie giunte locali invitare la Polizia Municipale a raccogliere multe di vario tipo, magari chiudendo un occhio sulla presenza degli abusivi e questuanti, per lo più immigrati e clandestini, che non solo nei giorni di mercato affollano il centro storico di Forlì. Sul versante del trasporto pubblico la situazione non è migliore, con le famose corsie preferenziali per autobus più volte promesse dalla giunta comunale che per lo più restano lettera morta, mentre sembrano riscuotere sempre più successo presso gli amministratori del Comune di Forlì i cordoli spartitraffico a volte talmente sproporzionati rispetto all’ingombro della carreggiata da provocare altri inutili incidenti stradali”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -