FORLI' - Telekom Serbia, Loris Bassini condannato per calunnia

FORLI' - Telekom Serbia, Loris Bassini condannato per calunnia

SAN MARINO – Due anni per calunnia. E’ la condanna inflitta dal giudice di San Marino al forlivese Loris Bassini, unico imputato per il processo ''Finbroker''. L’ex titolare della finanziaria sammarinese è stato, infatti, “salvato” dalla prescrizione dall’accusa dei reati di truffa e falso. La sentenza di primo grado l'aveva condannato ad una pena di tre anni di reclusione e alla restituzione di 10milioni di euro.

La vicenda ha avuto origine nel 2000 quando il conte Pier Francesco Vitali e sua moglie Miram Tedeschi avevano affidato a Bassini, titolare della società Finbroker, la somma di tredici miliardi di lire, destinati per l'affare Telekom Serbia, da una banca svizzera ad una di San Marino. Con l'entrata in vigore della legge relativa allo scudo fiscale, Vitali decise di dichiarare i soldi detenuti all'esterno, chiedendo a Bassini la restituzione. Dei 20 miliardi del vecchio conio Vitali ne vide solamente 450 milioni. Scattò la denuncia a cui seguì, a partire dal 2005, il processo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -