Forlimpopoli, cena di beneficenza per i bimbi di strada del Guatemala

Forlimpopoli, cena di beneficenza per i bimbi di strada del Guatemala

Forlimpopoli, cena di beneficenza per i bimbi di strada del Guatemala

FORLIMPOPOLI - Sono aperte le iscrizioni alla cena di beneficenza in programma alle 19.30 di martedì 3 maggio 2011, a Forlimpopoli, nei locali dell'Istituto Professionale "Pellegrino Artusi", posto in viale Matteotti, 54. L'evento è finalizzato a raccogliere fondi per la "Ciudad de la Felicidad", il villaggio di case famiglia per i bambini di strada che il missionario forlivese Andrea Francia sta realizzando ad Esquipulas, in Guatemala.

 

L'imperativo della presidente Milena Strocchi e del gruppo di volontari "Città della Felicità" sorto in seno all'onlus "Comitato per la Lotta Contro la fame nel Mondo" di Forlì, è adottare una delle 7 case famiglia già realizzate all'interno della "Ciudad de la Felicidad", il villaggio che sta sorgendo ad Esquipulas, al confine con l'Honduras. Più case risulteranno operative, e più "ninos de la calle" guatemaltechi saranno strappati definitivamente alla droga, alle "marras" (le sanguinarie bande di minori) e ai trafficanti d'organi. Punto di riferimento operativo in Guatemala per l'attuazione del progetto "Ciudad de la Felicidad", è il forlivese Andrea Francia.

 

In poco più di quattro anni, grazie ad una gara di solidarietà internazionale che a Forlì coinvolge il Gruppo "Città della Felicità", ma anche gli imprenditori Marino Bandini di "Ceracarta", Giuseppe e Maria Grazia Silvestrini di "SGM Distribuzione - Marco Polo", oltre al Gruppo missionario della parrocchia della Cava coordinato da Annarita Federicci, Francia ha realizzato un vero e proprio paradiso nel cuore della miseria guatemalteca: 7 case famiglia delle 10 previste in progetto, un monastero per le religiose di "Marta y Maria", una piantagione di banane, 3 ettari intesivi a caffè e un laboratorio per la formazione professionale dei minori accolti. Una delle case realizzate, che già accoglie dieci bimbi, è stata pagata proprio dalla carità forlivese. La struttura ha un costo annuo di circa 4mila euro.

 

Andrea sta gestendo il villaggio per conto dell'ordine religioso di "Marta y Maria" fondato nel 1977 da suor Angela Sanchez, di cui lui stesso è parte integrante come fratello consacrato con voto perpetuo. Per partecipare alla cena del 3 maggio prossimo, basta telefonare ai numeri 348-2942717 (Milena Strocchi), oppure 347-4180862 (Rita Federicci). Francia, che da quest'anno figura in pianta stabile nell'Annuario della Diocesi di Forlì-Bertinoro come missionario laico, insieme alla rocchigiana Caterina Savini impegnata in Zimbabwe, a novembre riceverà la visita pastorale del vescovo monsignor Lino Pizzi, unitamente ad una delegazione del Gruppo di volontari che lo sostiene nella giusta battaglia per dare dignità ai bambini poveri di Esquipulas. Quanti non riuscissero a partecipare alla cena del 3 maggio a Forlimpopoli, potranno comunque sostenere a distanza il lavoro di Andrea Francia, utilizzando il conto corrente postale n. 76814102 intestato a "Comitato Lotta contro la fame nel mondo - Onlus - Progetto Guatemala". La causale è "Progetto bambini di strada Guatemala - Case Famiglia".

 

Piero Ghetti

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -