Forlimpopoli, incontro sulla rimodulazione del sistema sanitario

Forlimpopoli, incontro sulla rimodulazione del sistema sanitario

FORLIMPOPOLI (FC) - Il Sistema Sanitario Locale al centro di un'accesa assemblea pubblica organizzata dal PD di Forlimpopoli e tenuta mercoledì 9 marzo nella sala consiliare del Municipio forlimpopolese. Alla serata hanno partecipato Anna Pariani, responsabile welfare PD per la Regione; Guglielmo Russo, vice presidente della Provincia di Forlì-Cesena e il sindaco di Forlimpopoli Paolo Zoffoli, anche presidente della Conferenza Territoriale Socio-Sanitaria. Presenti anche Marco Di Maio, segretario territoriale del Pd forlivese, Thomas Casadei, consigliere regionale del Pd, Gianluca Monti, segretario comunale del Pd a Forlimpopoli, che ha organizzato la serata.

 

La rimodulazione del sistema sanitario territoriale è tra le sfide più importanti di questo momento, perché permette di ragionare su proposte di lungo respiro che garantiscano a tutto il territorio una buona funzionalità e sostenibilità nel tempo. Un obiettivo basilare per il PD, che sulla sanità e sulla salute dei cittadini non accetta che si giochino "partite" politiche a suon di firme e strilli da piazza, dove il risultato non conta ma conta il consenso. Raggiungere un risultato positivo, invece, è più che mai necessario.

 

"Basta con la speculazione politica di chi a Roma vota i tagli alla Sanità e poi sul territorio fa della pericolosa demagogia. L'obiettivo strategico che noi ci poniamo - dice Guglielmo Russo, vice presidente della Provincia di Forlì-Cesena - è quello di una Sanità ancor più vicina al cittadino, che garantisca l'alta qualità dei servizi che conosciamo sul territorio anche per il futuro".

Un equilibrio possibile, oltre che necessario.

 

"In questo momento di tagli - afferma Paolo Zoffoli, sindaco di Forlimpopoli e Presidente della Conferenza Sanitaria Forlivese - dobbiamo procedere alla riqualificazione dei servizi mantenendoli d'eccellenza e facendo i conti con le risorse disponibili. Dobbiamo trovare la quadratura del cerchio: una sfida non facile, che si raggiunge solo con la buona volontà di tutti e con un obiettivo comune, il bene comune e la pubblica utilità".

 

Cinque le direttrici da seguire: centralità del cittadino; pieno coinvolgimento dei professionisti; continuità della presa in carico del cittadino anche dopo il ricovero ospedaliero; globalità e continuità nella cura; forte ruolo di regia e garanzia affidato agli enti locali.

 

"Serve una Sanità che continui ad essere d'eccellenza - prosegue Russo - con ospedali di prim'ordine per intensità di cura e servizi territoriali che proseguano l'opera di accompagnamento e presa in carico della persona anche dopo il ricovero. Su questa linea si colloca l'ipotesi di Casa per la Salute per Forlimpopoli, per la piena valorizzazione di questo presidio sanitario territoriale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Stiamo ragionando - conclude Zoffoli - su un possibile modello di sanità nel quale l'ospedale di Forlimpopoli sia perfettamente integrato, e serva a dare le giuste risposte alle esigenze dei cittadini. Le proposte saranno a breve al vaglio della Conferenza Socio- Sanitaria, e vedranno il confronto con tutti i soggetti in causa, per far si che la decisione finale risulti la più condivisa e partecipata possibile. La cosa importante è che si lavori insieme senza pregiudiziali politiche o personalistiche, mettendo al primo posto l'utilità pubblica".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -