FORLIMPOPOLI - Marco Vichi a Casa Artusi per il Gusto del Giallo

FORLIMPOPOLI - Marco Vichi a Casa Artusi per il Gusto del Giallo

FORLIMPOPOLI - Sapori di Toscana a Casa Artusi a Forlimpopoli: giovedì 28 febbraio (ore 20,15, Sala degli incontri) lo scrittore fiorentino Marco Vichi, autore di numerosi romanzi gialli, presenterà il suo libro Nero di luna (Guanda, 2007), noir ambientato in un casolare sulle colline del Chianti, tra Firenze e Siena.


L’appuntamento, il terzo del ciclo di incontri Il Gusto del Giallo per i Venerdì di Casa Artusi, viene eccezionalmente (e solo per questa volta) anticipato al giovedì sera.


E come tradizione della rassegna, il binomio letteratura – gastronomia sarà garantito dalla cena a tema al Ristorante Casa Artusi, dove il cuoco Andrea Banfi proporrà un menù tutto toscano: aperitivo in Enoteca - Principiando (con crostini misti alla Toscana, pecorino, ecc), ribollita, “nana” sui pici (fatti a mano dal cuoco), Coniglio all'aretina, Salviata (contorno, con la salvia), Pinolata (torta con pinoli), per chiudere con Cantucci e vin santo.


L’incontro con l’autore è libero, la cena ha un prezzo di 25 euro a persona. Per informazioni e prenotazioni: tel. 0543 743138, 349 8401818, info@casartusi.it.


Marco Vichi sarà accompagnato da un altro scrittore fiorentino, Valerio Aiolli (e non da Leonardo Gori, come da programma), autore di Ali di sabbia (Alet, 2007) uno dei pochi romanzi sul colonialismo italiano. Un doppio incontro con l’autore, quindi, nel corso del quale certamente si respirerà un’atmosfera toscana.

Marco Vichi, nato a Firenze nel 1957, ha pubblicato racconti in diverse riviste italiane, prima di pubblicare L’inquilino (Guanda, 1999), suo primo romanzo, cui è seguito, l’anno successivo Donne donne (Guanda, 2000). Nel 2002 è la volta de Il commissario Bordelli (Guanda, 2002) che diventa protagonista di una serie che prosegue con Un brutta faccenda (Guanda, 2003) e Il nuovo venuto (Guanda, 2004). Del 2005 è la raccolta di racconti Perché dollari? e del 2006 Il brigante, anche questi editi da Guanda. Vichi partecipa all’iniziativa editoriale “Cattivi golosi” dell’editore Moranti di Verona, che pubblica una serie di racconti su vari temi della cucina e della gastronomia. L’ultimo titolo della serie è Porco Killer, del 2007.


Nero di luna (Guanda, 2007) di Marco Vichi è un noir ambientato in un casolare sulle colline del Chianti, tra Firenze e Siena, dove il protagonista, lo scrittore Emilio Bettazzi, si ritira con l’intento di scrivere il suo libro perfetto. Si troverà immerso suo malgrado in un luogo pieno di misteri, alimentati anche dalle superstizioni delle persone del luogo, dall’ignoranza, dalla chiusura verso gli estranei e il mondo esterno. E lo scrittore si improvvisa detective, scontrandosi con la diffidenza delle persone del paese, che lo considerano un estraneo alla comunità; nonostante lo scetticismo dei carabinieri del paese che non credono alle sue ipotesi. Scoprirà un'amara e triste verità, su un'antica tragedia nella villa dei misteri, e troverà anche l'amore di una bella dottoressa del paese. Non mancano elementi caratteristici della scrittura di Vichi, attenta ai temi eno-gastronomici: dai piatti di spaghetti cucinati in ogni modo, al vino a fiumi. Il tutto in uno scenario, quello del Chianti, che mostra un volto molto diverso da quello patinato delle cartoline.


Valerio Aiolli è nato a Firenze nel 1961 dove vive. Per le Edizioni e/o ha pubblicato i romanzi Io e mio fratello (1999, Premio Fiesole), Luce profuga (2001), A rotta di collo (2002, Premio Giusti). Per Rizzoli Fuori tempo (2004). Alcune sue opere sono state tradotte in Germania, Ungheria, Olanda. Gioca col n. 8 nell’Osvaldo Soriano F.C., la squadra di calcio degli scrittori italiani.


Ali di sabbia (Alet, 2007) di Valerio Aiolli è uno dei pochi romanzi sul colonialismo italiano, un tema tra i meno conosciuti e indagati della nostra storia. Giocato con un ritmo costante di salti temporali all’indietro (flash-back) e in avanti (flash-forward) il romanzo narra le storie convergenti di Italo Balbo, aviatore ed eroe della prima guerra mondiale, poi quandrumviro del Partito Fascista e governatore di Libia, e di Settimio, suo secondo (e diversamente romanzesco) pilota. Aiolli rivela progressivamente i destini incrociati del grande trasvolatore e del suo secondo pilota, già miracolato, sopravvissuto a una caduta disastrosa da trecento metri, e figlio di chi sognava, per amore dell’aviazione, di scrivere una grande storia del volo.


I prossimi appuntamenti

Gli incontri del ciclo “Il gusto del Giallo” si tengono a Casa Artusi ogni ultimo venerdì del mese fino a fine maggio, e ospitano alcuni degli autori più interessanti della produzione italiana.

Il 28 marzo saranno protagonisti l’originalità e l’estro di Andrea Pinketts e del suo alter ego Lazzaro Santandrea. Sarà l’occasione di un vero e proprio viaggio nel tempo l’incontro con la bolognese Daniela Comastri Montanari (18 aprile), creatrice del detective epicureo Publio Aurelio Stazio, senatore della Roma imperiale. Gran finale, il 30 maggio con il prolifico Eraldo Baldini, che solo nel 2007 ha pubblicato “Le notti gotiche” e “Melma”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E ogni volta, per confermare il binomio letteratura gialla – buona cucina, dopo l’incontro con l’autore, libero e aperto a tutti, chi lo desidera potrà fermarsi a cenare con gli scrittori nella Sala da pranzo di Casa Artusi, dove saranno serviti menù ispirati dai romanzi presentati.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -