Forlimpopoli, Matteo Bondi presidente dell'associazione Giovani Cooperatori

Forlimpopoli, Matteo Bondi presidente dell'associazione Giovani Cooperatori

Matteo Bondi, della cooperativa Amphora, è il nuovo presidente dell'Associazione Giovani Cooperatori. Al suo fianco in qualità di vicepresidenti Pamela Della Chiesa della cooperativa sociale Il Girasole e Chiara Partisani della cooperativa Cartacanta. Fanno parte del consiglio provinciale dell'Associazione Denis Ermeti, Serena Fiordoro, Silvia Cortesi, Nicola Tassinari, Lisa Gonelli e Ettore Calvaresi. Cinque donne e quattro uomini, con un range di età che va dai 23 ai 37, costituiscono un consiglio giovane, che rappresenta la varietà dei settori di Confcooperative e che sarà in grado di dare una buona continuità al lavoro dei prossimi anni.

 

Il ricambio ai vertici dell'Associazione che, lo ricordiamo, è nata in seno a Confcooperative Forlì Cesena nel 2004, è avvenuto in occasione dell'assemblea provinciale tenutasi a Cesena. L'Associazione Giovani Cooperatori oggi conta su 116 aderenti, tutti soci di cooperative attive nel territorio provinciale e aderenti al sistema Confcooperative.

"Un avvenimento importante per la cooperazione nel nostro territorio - ha dichiarato il Presidente di Confcooperative Forlì-Cesena Amedeo Scozzoli durante l'Assemblea dei Giovani Cooperatori - soprattutto perchè crediamo nel ricambio generazionale e nei giovani. Non bisogna dimenticare i principi, che sono poi i valori della dottrina sociale della Chiesa, dai quali nasce Confcooperative e la cooperazione in genere: cooperare significa operare insieme, unire sforzi, lavoro per raggiungere un obiettivo comune che risponda alle esigenze degli individui, valorizzandone il lavoro."

 

"In continuità con il passato proseguiremo alcune attività che hanno caratterizzato l'Associazione fin dal suo esordio - dichiara il neo presidente Matteo Bondi - Da settembre riprenderemo ad esempio gli incontri di formazione dirigenziale con personaggi dell'economia, della politica, della società civile, di chi ha un ruolo istituzionale. Naturalmente non mancheranno momenti più ricreativi, utili soprattutto per cementare i rapporti tra gli associati. Quella di Forli Cesena è stata una delle prime Associazioni di Giovani Cooperatori a livello nazionale, da allora altri hanno costituito analoghe organizzazioni, con cui ci relazioneremo per mettere in rete esperienze e idee. Uno degli ambiti di lavoro in cui ci impegneremo sarà sicuramente la Consulta nazionale".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -