Forlimpopoli, Morrone (Lega Nord) attacca il sindaco: "Non difende il pronto intervento"

Forlimpopoli, Morrone (Lega Nord) attacca il sindaco: "Non difende il pronto intervento"

FORLIMPOPOLI - "Un sindaco che non difende il proprio Comune poiché deve rendere conto agli imperativi di partito non ha altra via di uscita se non le dimissioni": interviene così, Jacopo Morrone, Segretario Provinciale della Lega Nord Forlì - Cesena.

"In alcun modo i cittadini sono tenuti a pagare sulla propria pelle le conseguenze derivanti dalla mala gestione della sanità nella nostra Provincia e dal buco di 60 milioni di euro creatosi con essa - prosegue il Segretario del Carroccio - il Sindaco Zoffoli, anche in virtù del ruolo istituzionale che ricopre, quale Presidente della Conferenza Territoriale Socio Sanitaria di Forlì-Cesena, ha profondamente deluso".

 

"Ci saremmo aspettati dal Sindaco del Partito Democratico una strenua difesa per il mantenimento e l'operatività del servizio di pronto intervento nel Comune di Forlimpopoli - dice Morrone supportato da Gianluca Zanoni, capogruppo in Provincia e dal consigliere comunale Giampaolo Camporesi -, soprattutto in considerazione del bacino di utenza che lo stesso ricopre e dell'efficienza da sempre esibita nelle prestazioni socio-sanitarie, ma purtroppo così non è stato, lasciando presagire che evidentemente la tutela della salute dei propri cittadini è subordinata alle direttive e alle imposizioni di partito".

 

"Le 4729 firme raccolte in pochi giorni evidenziano la drammaticità di tale problematica nonché una preoccupazione dilagante riscontrabile nella stragrande maggioranza dei forlimpopolesi. La chiusura coatta dell'unità di pronto intervento nel Comune di Forlimpopoli, a seguito di una razionalizzazione obbligata di molteplici servizi ospedalieri dislocati nell'intero territorio provinciale, provocherà non pochi disagi non soltanto alla cittadinanza forlimpopolese ma a tutta al popolazione del circondario. Dopo questo ennesimo sgarbo, chiunque necessiti di cure primarie sarà costretto ad emigrare e rivolgersi alla strutture ospedaliere di Cesena o Forlì."

Infine, conclude il Segretario leghista: "La battaglia della Lega Nord proseguirà nei modi e nei tempi a noi concessi, in particolare attraverso l'operato del nostro capogruppo in Provincia, Gianluca Zanoni e in sede comunale a Forlimpopoli con il Cons. Giampaolo Camporesi."

 

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Elena Zaccheroni
    Elena Zaccheroni

    Domando: pronto intervento significa che il servizio viene erogato al bisogno dell'utenza o che invece chi ha necessità di fruire del servizio debba essere soggetto al rispetto di un orario? Lo chiedo perché, risiedendo a Meldola, un paio di volte ho optato per Forlimpopoli per ricevere una prestazione sanitaria immediata, ma una volta mi è stato detto che dop le 16,00 non venivano più effettuati esami radiologici e la seconda volta di attendere l'apertura alle ore 8,00 del mattino. Pensavo che il Pronto Intervento funzionasse 24 ore su 24 e servisse a decongestionare il flusso di utenza che si reca al Pronto Soccorso del Pierantoni-Morgagni, invece mi sono trovata davanti ad un servizio erogato solo ad un determinato orario. Capisco le resistenze della Lega, ma se lo si mantiene, occorre che il servizio copra l'intera giornata.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -