Forlimpopoli: per i Verdi "non solo inquinamento ma anche abusi edilizi"

Forlimpopoli: per i Verdi "non solo inquinamento ma anche abusi edilizi"

FORLIMPOPOLI - "Dopo la segnalazione dei Verdi che hanno rilevato che in un'area in comune di Forlimpopoli, posta sulla strada che collega Forlimpopoli a Bertinoro, era in pieno svolgimento una attività altamente inquinante di sabbiatura e verniciatura all'aperto il sig. Raggi, assessore all'ambiente di quel comune, anziché inviare i vigili e verificare quanto stava accadendo ha perso tempo affermando che l'area non era di sua competenza  perché rientrante nel comune vicino".

 

E' quanto dichiara in una nota stampa la Federazione Provinciale dei Verdi di Forlì-Cesena

 

"Mentre il sig. Raggi - dicono i Verdi - scriveva ai giornali e se la prendeva con i Verdi, l'azienda ha fatto sparire il  pesante manufatto fotografato dai giornali ed ha prontamente asportato la montagna di sabbia utilizzata per le sabbiature. Il sig. Raggi, che pure risulta insegnante di scienze , evidentemente non solo non conosce i suoi doveri di assessore, che gli imporrebbero di intervenire immediatamente nel caso di una segnalazione tanto circostanziata, ma non conosce neppure il territorio del suo comune e non sa leggere una cartografia di Piano Strutturale Comunale, nella quale non solo sono indicati con chiarezza i confini comunali di Forlimpopoli, dentro i quali si svolgevano le attività segnalate, ma anche la destinazione urbanistica dei terreni".

 

"L'area nella quale si svolgevano le attività inquinanti segnalate è compresa fra il parcheggio della azienda Maraldi, che costituisce il confine del territorio comunale di Forlimpopoli, e la via Emilia, in pieno comune di Forlimpopoli quindi, come qualunque geometra avrebbe potuto spiegare all'assessore".

 

"Se non si fosse fatto prendere dal livore e fosse andato a vedere il sig. Raggi avrebbe preso l'azienda inquinante con le mani nel sacco, cosa che peraltro avrebbe potuto fare da molto tempo, visto che le operazioni di sabbiatura e verniciatura durano da mesi, avrebbe potuto rilevare che gli operai lavorano a diversi metri dal suolo senza essere assicurati contro le cadute e soprattutto avrebbe rilevato che l'insediamento è in area destinata ad attività agricole di pregio".

 

"Invece di prendersela coi Verdi e di rallegrarsi per la loro sconfitta elettorale - conclude la Federazione - come se il partito a cui aderisce non avesse conseguito un risultato altrettanto catastrofico, l'assessore Raggi si affretti a compiere il proprio dovere, verificando quanto da noi segnalato, a cominciare dagli abusi edilizi e dall'inquinamento provocato da polveri e vernici spruzzate all'aperto. Abbiamo una adeguata documentazione fotografica che potrebbe aiutarlo nel suo lavoro qualora volesse smetterla di essere un ambientalista del lasciar fare".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -