Forlimpopoli: sanità, le considerazioni dell'assessore Strada

Forlimpopoli: sanità, le considerazioni dell'assessore Strada

FORLIMPOPOLI - Gli articoli degli ultimi giorni apparsi sui giornali che paventano ripercussioni sui servizi sanitari di Forlimpopoli a seguito delle difficoltà economiche della Azienda Sanitaria di Forlì mi costringono, in qualità di Assessore alla Sanità del Comune di Forlimpopoli, ad inserirmi nel dibattito anche se lo faccio a malincuore.

 

La mia reticenza nasce dal fatto che ritengo l'attuale il periodo peggiore per parlare dei problemi della nostra sanità in quanto l'imminente tornata elettorale regionale rischia di far perdere quell'atteggiamento realistico e responsabile che in questo momento sarebbe indispensabile.

Pertanto il mio intervento è volto soprattutto a richiamare le varie parti politiche un maggiore senso di responsabilità evitando di strumentalizzare la salute dei cittadini per fini meramente elettorali. A questo scopo può essere utile ricordare alcune elementi di verità.

 

La situazione della sanità forlivese seppur grave non è lontanamente paragonabile a quella di altre sanità nazionali come qualcuno vuol far credere. Il deficit individuato per gli anni 2008 e 2009 è pari a circa il 7% del bilancio complessivo dell'Azienda AUSL di Forlì. Pertanto quando si parla di rientrare senza ridurre la qualità dei servizi la sfida seppur complessa mi sembra possibile nell'arco di qualche anno.

 

La nostra Regione, a differenza appunto di altri territori italiani, amministrati sia dal centro destra che dal centro sinistra, ha evitato che tale deficit assumesse dimensioni ancor più gravi intervenendo con molta tempestività non approvando il bilancio 2008 e sostituendo chi dirigeva la sanità forlivese.

 

In oltre, mentre in giro per l'Italia vediamo deficit enormi associati a sistemi sanitari inefficienti ed inefficaci oggetto spesso di episodi di mala sanità, nel nostro caso una situazione di criticità economica tutto sommato contenuta e sotto controllo è accompagnata da livelli di servizi sanitari di eccellenza.

 

Ora la sfida che tutti responsabilmente dobbiamo apprestarci a combattere, noi politici per primi, è trovare le soluzioni per mantenere il livello di eccellenza della nostra sanità con maggiore efficienza e controllo della spesa.

 

Ma forse per avere la disponibilità di alcuni ad un dibattito serio e costruttivo su questi temi si dovrà inevitabilmente aspettare ancora qualche mese....

Per fortuna dei nostri cittadini, Amministratori locali, Dirigenza AUSL e Regione Emilia Romagna non hanno alcuna intenzione di perdere tempo e stanno lavorando con il massimo impegno nella ricerca delle strategie migliori.

 

Alessandro Strada, Assessore alla sanità del Comune di Forlimpopoli

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -