Formazione, in Emilia-Romagna un 'giro' da oltre 40 milioni di euro

Formazione, in Emilia-Romagna un 'giro' da oltre 40 milioni di euro

BOLOGNA - Si è tenuto questa mattina a Bologna il Comitato di Sorveglianza del Programma Operativo della Regione Emilia-Romagna, l'organismo previsto dai regolamenti comunitari con il compito di accertare la qualità e l'efficacia dell'attuazione del Programma Operativo Regionale, cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo (Ob. Competitività regionale e occupazione). 


Il Comitato di Sorveglianza è composto dalla Commissione dell'Unione Europea, dai Ministeri competenti in materia, dalle Province emiliano-romagnole, dalle Parti sociali regionali, dalla consigliera regionale di Parità, ed è presieduto dall'assessore regionale al Lavoro e formazione Paola Manzini. All'incontro odierno, oltre all'assessore Manzini, erano presenti Tatiana Esposito e Fabrizio Spada della Direzione generale Occupazione, Affari sociali e Pari opportunità della Commissione europea e Rosita Caputo del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali.

 

Al Comitato di Sorveglianza sono stati presentati i rapporti annuali di esecuzione relativi all'anno 2007, riferiti sia alla programmazione 2000-2006 che alla nuova programmazione 2007-2013, e più in generale si è data evidenza alle azioni intraprese e ai risultati conseguiti nell'ambito della programmazione delle politiche della formazione e del lavoro cofinanziate dal Fondo sociale europeo. 


"Abbiamo ricevuto una sostanziale approvazione da parte del Ministero del Lavoro e della Commissione europea - ha detto l'assessore Manzini - sia sugli esiti della vecchia programmazione, 2000-2006 che ha coinvolto oltre un milione di persone, che sulle attività previste per il periodo 2007-2013".


"I dati esposti dalla Regione Emilia-Romagna sono molto soddisfacenti se comparati con quelli di altre regioni italiane - ha confermato Fabrizio Spada della Commissione europea - Il Fondo sociale europeo è uno strumento messo a disposizione per comunicare l'Unione europea e per migliorare l'economia dei Paesi membri, che nei prossimi anni dovrà affrontare tre grandi temi, i nuovi problemi di integrazione derivati dall'allargamento dell'Europa, l'invecchiamento della forza lavoro e la globalizzazione".


"Nel periodo 2000-2006 della Regione Emilia-Romagna ha concluso in modo eccellente la programmazione, raggiungendo gli obiettivi prefissati - ha aggiunto Rosita Caputo del ministero del Lavoro e Politiche sociali - sono significativi i dati procedurali, anche per l'impatto delle azioni sul territorio e per i destinatari raggiunti".

 

 

Programmazione 2000-2006

 

Alle 28.632 attività di formazione svolte, sono oltre un milione le persone che hanno partecipato, il 327% rispetto ai numeri previsti in sede di definizione del programma operativo: dati che permettono di evidenziare l'importanza e l'impatto della Programmazione 2000-2006 del FSE e la capacità del sistema regionale di progettare e realizzare azioni rispondenti ai bisogni delle persone e delle imprese.  Opportunità diversificate, frutto di una forte capacità progettuale del sistema formativo regionale, sottoposte ad una attenta selezione dei progetti da parte dalla Regione e delle Amministrazioni Provinciali, che hanno approvato e finanziato  circa la metà delle proposte presentate (tasso di selettività 51,4%). Le attività di formazione hanno attratto per il 50% persone occupate e complessivamente vedono la presenza del 51,3% di donne.  

 

Questi dati, insieme a quelli finanziari che vedono al 31 dicembre 2007 un impegno di risorse pari al 108% del totale programmato e un pagato ai beneficiari finali del 96,9%, confermano la capacità già dimostrata di dare piena ed efficace attuazione al Programma Operativo e di poter prevedere una presentazione del saldo finale pari al 100% delle risorse assegnate alla Regione col POR 2000-2006.

 

 

Programmazione 2007-2013

 

Obiettivo generale individuato per l'attuazione del programma di competitività e occupazione attraverso il FSE è quello di sostenere la crescita economica e sociale e il suo impatto occupazionale, coniugando la qualità dell'occupazione e la valorizzazione delle risorse umane con la qualità dello sviluppo economico e la coesione sociale. Obiettivi che si raggiungono investendo sul sapere e sulla qualificazione del lavoro e promuovendo   pari opportunità di accesso e permanenza nel sistema regionale dell'istruzione, della formazione e del lavoro. L'obiettivo generale della strategia regionale è declinato in due ambiti che hanno costituito la base di riferimento per elaborare le priorità degli Assi della programmazione 2007/2013:
- qualificare l'obiettivo della società della conoscenza rafforzando il livello quantitativo e qualitativo dell'apprendimento lungo tutto l'arco della vita, con riferimento alle esigenze di sviluppo economico e sociale del sistema regionale, e quindi con una particolare attenzione ai temi della formazione superiore, della ricerca e del trasferimento e sviluppo dell'innovazione. 
- promuovere ed accrescere la qualità delle condizioni e delle prestazioni di lavoro,
limitando i rischi di precarietà e de-professionalizzazione, e sviluppando politiche attive per rafforzare la qualificazione del lavoro, nonché un sistema di servizi per il lavoro che favoriscano l'occupabilità delle persone e la domanda di personale qualificato da parte delle imprese.

 

Il rapporto di esecuzione al 31 dicembre 2007 per la programmazione 2007-2013 ha rilevato dati significativi di attuazione. L'attuazione del Programma Operativa - supportata da adeguati dipositivi e procedure di gestione e controllo e da un nuovo sistema informativo, coerenti con i nuovi regolamenti comunitari, ha riguardato tutti gli Assi anche con il ricorso alla sovvenzione globale, uno strumento che permette di assegnare la realizzazione di parte delle azioni previste dal Programma Operativo FSE ad un Organismo Intermediario qualificato nella promozione e gestione di specifiche politiche di intervento.

 

Al 31/12/2007 sono stati 574 i progetti di formazione approvati, 463 quelli già avviati, per un totale di risorse impegnate pari a 41 milioni e 285 mila euro, il 5,12% delle risorse complessive del  POR 2007-2013, che ha una dotazione di 806 milioni e 490 mila euro, provenienti dal FSE e da risorse nazionali.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al Comitato di Sorveglianza di questa mattina sono inoltre stati presentati i dati di attuazione al 20/06/2008 che danno il senso della forte accelerazione nell'attuazione del programma. Le operazione approvate sono 1.136, i destinatari sono oltre 11 mila e il totale impegnato è pari a oltre 98 milioni. Ancora più significativo il dato relativo alle risorse pagate ai beneficiari finali che passano dai due milioni e 400 mila al 31 dicembre ai 13 milioni al 20 giugno.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -