Frana di Corniolo, Bulbi replica a Pini: "Non siamo soddisfatti"

Frana di Corniolo, Bulbi replica a Pini: "Non siamo soddisfatti"

Frana di Corniolo, Bulbi replica a Pini: "Non siamo soddisfatti"

"Non solo la frana di Corniolo". E' questa la replica del Presidente della Provincia di Forlì-Cesena, Massimo Bulbi al deputato della Lega Nord, Gianluca Pini, che ha dato annuncio dei fondi stanziati dal ministero. "Pini dovrebbe ricordare che il conto presentatoci dai dissesti ammonta ad oltre venti milioni di euro, che 37 nostri concittadini furono evacuati dalle loro case e 20 di essi rimangono ancora fuori". Non c'è soddisfazione per i fondi stanziati

 

"Innanzitutto mi preme riconoscere all'onorevole Gianluca Pini di essersi assunto, fin dall'inizio dell'emergenza, l'impegno di reperire, dal Governo, risorse per i dissesti idrogeologici dell'inverno scorso ed è dunque una buona notizia, seppur nel concreto ancora incerta, quella degli stanziamenti che sarebbero previsti per la frana di Corniolo", premette Bulbi.

 

"Questo evento di portata eccezionale ha messo a dura prova la popolazione, le attività economiche e gli enti locali ed ha potuto essere affrontato tempestivamente solo grazie all'impegno della Regione Emilia Romagna e del suo Presidente, Vasco Errani che l'ha immediatamente inserito fra le richieste di somma urgenza nonché all'Autorità di Bacino, all'Agenzia Regionale per la Protezione Civile e a Romagna Acque -Società delle Fonti, che hanno messo a disposizione 1.550.000 euro per effettuare tutti i lavori di ripristino finora realizzati e non ancora conclusi".

 

"Noi riteniamo, però, che tutti i comuni colpiti abbiano la stessa importanza e pensiamo che l'impegno di chiunque ricopre responsabilità politico/amministrative dovesse essere quello di cercare di ottenere tutto il possibile per tutte le situazioni accadute.

 

"Ammesso che a Corniolo arrivino presto i soldi annunciati - continua Bulbi - resta da capire chi si farà carico, in altre zone, di saldare i mutui che alcuni comuni hanno dovuto accendere (sottraendo risorse ad altri progetti) per sistemare ciò che non poteva attendere dallo stato. Chi aiuterà, poi, la Provincia a recuperare le risorse dirottate d'urgenza sulla riparazione delle strade provinciali? Noi non siamo perciò soddisfatti dell'entità dei fondi stanziati: sia perché sono d'importo ancora imprecisato, sia perché gli stessi non coprono neanche i costi complesivi di un solo intervento. Non siamo, poi, noi a confondere i Ministeri con dei 'Bancomat'; piuttosto a farlo sono stati coloro che percorrendo il territorio durante la campagna elettorale per le regionali andavano assicurando contributi ad hoc per questa o quell'opera".

 

"Speriamo dunque che queste risorse arrivino presto e, magari, nella loro previsione massima!

Solo per Corniolo, il Comune di Santa Sofia ha previsto una spesa di ca. 3.700.000 € e le richieste al Governo per gli interventi di somma urgenza riguardano solo otto dei venti milioni complessivamente necessari. Per questo, se gli aiuti non arriveranno, ai già gravi danni causati dal maltempo, se ne aggiungeranno altri derivanti dal non aver dato seguito a quelle opere i cui finanziamenti sono stati spostati sull'emergenza confidando nel successivo e promesso intervento dello stato".

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di steno
    steno

    Ma con il lodo Alfano non preoccupatevi che si sistemiamo tutto. Dopo sarà tutto per noi il Premier e potrà finalmente occuparsi del nostro paese, e smettere di dare i consiglia a Obama e a Putin.

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Il succo è: se i soldi non arrivano Pini è un bugiardo. Se arrivano tardi non servono a niente e comunque anche se arrivano sono pochi quindi inutili. E' lo Stato, lo Stato, lo Stato che ci deve aiutare e deve pensare a tutti noi (provincia inclusa). Ma questo amministratore cos'ha fatto, uno stage in Irpinia dopo il 1980 ? Chi è il suo advisor, De Mita ?

  • Avatar anonimo di passatore
    passatore

    Vergognati Bulbi...la solita politica sulla pelle dei cittadini....e state già cominciando a gonfiare i bilanci, cercate di spendere bene quel che arriva, senza farli sparire come al solito.. ....una sinistra così può essere solo destinata a soccombere alle prossime elezioni... e tu dovresti lavorare per i cittadini e non per le segreterie dei partiti... vàt a cà!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -