Frode e riciclaggio, torna in libertà il fondatore di Fastweb

Frode e riciclaggio, torna in libertà il fondatore di Fastweb

Frode e riciclaggio, torna in libertà il fondatore di Fastweb

ROMA - Torna in libertà il fondatore di Fastweb, Silvio Scaglia, imputato per un caso di frode e riciclaggio da 2 miliardi di euro. E' quanto hanno stabilito i giudici della I sezione del tribunale di Roma, su istanza dei difensori. Anche la Procura aveva dato parere favorevole.

 

"Vivo da anni all'estero e appena saputo del mandato di cattura sono rientrato immediatamente in Italia a disposizione dell'Autorità giudiziaria, consapevole di dover passare in carcere il tempo necessario per chiarire la mia estraneita' ad ogni illecito", è il primo commento reso da Silvio Scaglia attraverso una nota ufficiale.

"Non mi sarei mai immaginato un percorso così travagliato, lungo e drammatico - ammette il fondatore di Fastweb - ma rispetto la giustizia e resto convinto della correttezza della mia scelta iniziale e conto sul processo in corso per rendere evidente la mia innocenza".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sacaglia ha ringraziato la sua "famiglia e tutti coloro che hanno continuato a credere in me e mi hanno sostenuto in questo tremendo periodo della mia vita".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -