Frode milioniaria al fisco: scoperte false fatture per 35 milioni di euro

Frode milioniaria al fisco: scoperte false fatture per 35 milioni di euro

RIMINI – Una maxi-frode fiscale da 35 milioni di euro è stata scoperta dalla Guardia di Finanza di Rimini, che punta il dito contro i titolari di una società operante nell’elettronica e nella telefonia accusata di aver emesso nel periodo 2002-2005 false fatture nei confronti di società ‘cartiere’ costituite appositamente per eludere il fisco. Complessivamente l’evasione ammonta a oltre 7,5 milioni di euro di Iva relativa e a più di 8,6 milioni di euro di Iva dovuta.


Il sistema utilizzato per aggirare il pagamento delle imposte è quello ormai collaudato del ‘carosello’, vale a dire l’utilizzo di società cartiere che vengono appositamente create e poi improvvisamente chiuse dopo aver completato il loro ‘compito’. La società finita sotto la lente delle Fiamme Gialle è accusata di aver prodotto false fatturazioni per un importo complessivo di 35 milioni di euro in quattro anni, annullanod in modo illegale ricavi per 3,5 milioni di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La complessa manovra di elusione ed evasione ha determinato un’evasione di oltre 7,5 milioni di euro di Iva relativa e più di 8,6 milioni di euro di Iva dovuta. La società è stata posta in liquidazione volontaria e poi dichiarata fallita.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -