Gambettola, "Elogio della ghigliottina" in mostra

Gambettola, "Elogio della ghigliottina" in mostra

GAMBETTOLA - Domenica 15 agosto, alle ore 21:00, negli spazi espositivi del Laboratorio dell'Imperfetto di Gambettola si inaugura la mostra Elogio della ghigliottina alla presenza di "tredici teste spiccate dal collo". Ne Le dernier jour d'un condamné di Victor Hugo, il protagonista (anonimo come la propria colpa) si affligge per la - ingiusta? - condanna che lo costringerà a perdere la vita nella place de Grève.

 

Più che lo strazio del corpo, a tormentarlo è il pensiero della morte. Un pensiero che si forma in testa, quella stessa che subirà l'incuranza della ghigliottina. L'asportazione chirurgica inflitta dalla lama della "trinciateste" interromperà il flusso delle sue idee, ne farà capitolare l'intelletto. Il condannato non potrà, né vorrà darsi pace di ciò; impossibile per lui rassegnarsi all'ignominioso epilogo, al fatto che i suoi carnefici possano ignorare l'atrocità di un gesto così empio (non tanto nel porre fine alla vita di un essere umano quanto nell'annichilirne la mente).

 

Il celebre motto di Cartesio, cogito ergo sum, diventa congeniale preambolo alla decollazione, un tema tutt'altro che infrequente nella storia dell'arte. La prima forma di decollazione ravvisata nell'arte è di probatoria accidentalità; a farne le spese, infatti, è stata la statuaria antica, giuntaci acefala oltre che evirata e focomelica. Da allora esistono forme e significazioni diverse che il caso attribuisce a un soggetto che è andato perdendo la propria connotazione a ridosso dei secoli. Benché le teste mozze si succedano ancora numerose nel copioso inventario dell'arte contemporanea, assai di rado viene adotto un motivo.

 

Inaugurazione 15 agosto 2010 alle ore 21.00, dal lunedì al venerdì ore 14:30 - 18:30, fuori orario su appuntamento

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -