Garanzia giovani, coinvolti 51mila ragazzi: "Un processo che ora non si può fermare"

in Emilia-Romagna Garanzia Giovani ha riguarda oltre 51 mila ragazzi, di questi quasi 21 mila hanno stipulato un contratto di lavoro

"Garanzia Giovani è un programma nazionale che in Emilia-Romagna abbiamo realizzato con successo. Un processo che ora non si può fermare”. Così Patrizio Bianchi, assessore regionale alla Scuola, formazione professionale, università, ricerca e lavoro, rispondendo in assemblea legislativa a una interrogazione. E i numeri illustrati dall’assessore confermano quanto fatto: in Emilia-Romagna Garanzia Giovani ha riguarda oltre 51 mila ragazzi, di questi quasi 21 mila hanno stipulato un contratto di lavoro.

All’Emilia-Romagna sono stati assegnati 74 milioni di euro e il programma ha preso avvio il 1 maggio 2014. Nel dettaglio, 51.424 giovani sono stati presi in carico e/o hanno usufruito di azioni di orientamento specialistico (8 milioni e 101 mila euro), 13.579 giovani hanno realizzato un tirocinio  (25 milioni 578 mila euro), 3.684 giovani sono stati inseriti o reinseriti in percorsi formativi (misura ancora in corso in quanto percorsi triennali per il conseguimento di una qualifica triennale 28 milioni e 554 mila euro), 405 giovani hanno intrapreso un percorso di servizio civile (1 milione e 549 mila) e 351 giovani hanno scelto un percorso di sostegno all’autoimpiego e all’autoimprenditorialità (4 milioni e 235 mila euro). Sono stati inoltre attivati 2.261 contratti di apprendistato (di cui 128 incentivati con risorse pari a 193.256 euro) e sono stati erogati 2.030 bonus occupazionali a seguito dell’assunzione di altrettanti giovani con contratto  a tempo indeterminato o di apprendistato professionalizzante (5 milioni e 966 mila).

"Questo processo non si può fermare. Siamo in attesa di una risposta positiva alla richiesta di rifinanziamento dell’iniziativa avanzata alla Commissione Europea dalla Stato italiano - ha sottolineato Bianchi - per finanziare con risorse del nostro Programma Operativo FSE 2014-2020 i tirocini e in particolare la quota di indennità, pari al  70%, che nell’ambito di Garanzia Giovani è sostenuta da risorse pubbliche. Per poter procedere in tal senso è tuttavia indispensabile una modifica alla convenzione tra ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e Inps, ente scelto dal Ministero stesso per erogare ai giovani tale quota di indennità. Tale modifica è stata richiesta da tempo al ministero, che ora ha garantito di provvedere in tempi rapidi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Complessivamente ad oggi 20.848 giovani che hanno aderito al programma  e hanno concluso il proprio percorso (molti sono ancora impegnati nella misura concordata con il centro per l’impiego) hanno già stipulato un contratto di lavoro. Si tratta del 41% dei giovani presi in carico,  in prevalenza hanno tra i 19 e i 24 anni e la percentuale è identica per entrambi i generi. Quanto alla tipologia contrattuale, il 13% è stato assunto con contratto a tempo indeterminato, il 43% con contratto a tempo determinato, il 25% con apprendistato, il 16% con contratto a tempo determinato in somministrazione e il 2% con altro contratto di lavoro. "Per quanto riguarda  l’erogazione  delle indennità dei tirocini avviati – ha concluso l’assessore Bianchi -, l’Inps ha comunicato alla Regione che ad oltre il 97% dei tirocinanti autorizzati è stata già liquidata l’indennità prevista".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -