Gemelline scomparse: "le bambine riposano in pace"

Gemelline scomparse: "le bambine riposano in pace"

Gemelline scomparse: "le bambine riposano in pace"

Sono parole che fanno rabbrividire. Nella vicenda delle due gemelline di 6 anni scomparse il 30 gennaio scorso, Alessia e Livia, ora spunta la frase contenuta in una delle due lettere che il padre, Matthias Schepp, ha inviato alla moglie prima di suicidarsi: "Le bambine riposano in pace, non hanno sofferto". L'uomo aveva portato via le piccole, suicidandosi poi il 4 febbraio scorso, gettandosi sotto un treno alla stazione ferroviaria di Cerignola. Intanto si cerca ancora.

 

L'uomo ha portato via le due figlie, ma poi è tornato da solo. La polizia ha visionato di nuovo i filmati delle telecamere di sicurezza del bar di Cerignola, la cui proprietaria afferma con certezza di avere visto, il 3 febbraio scorso, Matthias Schepp e le due bambine. Ma altre testimonianze collocano Schepp al porto di Bastia mentre si imbarcava su un traghetto per Tolone, da solo. La Polizia scientifica di Genova sta esaminando una cabina del traghetto 'Mega Express 2', della Corsica- Sardinia Ferries, a bordo del quale avrebbe viaggiato Schepps.

 

Inquietante il risultato delle analisi sul computer dell'uomo: oltre alla consultazione di siti delle compagnie di navigazione tra Marsiglia e Propriano, in Corsica, sarebbero comparse anche pagine in cui si trovano consigli e informazioni sui materiali per l'avvelenamento.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -