Giaccherini e Malonga, il Cesena stende il Bologna e vede la salvezza

Giaccherini e Malonga, il Cesena stende il Bologna e vede la salvezza

Giaccherini e Malonga, il Cesena stende il Bologna e vede la salvezza

BOLOGNA - Vent'anni dopo il Cesena torna ad espugnare il 'Dall'Ara' di Bologna. Con una prestazione pressochè perfetta la squadra di Massimo Ficcadenti ha vendicato la sconfitta del 5 dicembre scorso al 'Manuzzi', aggiudicandosi il derby della via Emilia per 2-0. Le reti, tutte nella ripresa, portano le firme di Emanuele Giaccherini e di Dominique Malonga. Il Cavaluccio, alla terza vittoria esterna, ha fatto tre balzi in avanti verso la salvezza, portandosi a quota a 37.

 

Importante il cammino nelle ultime nove gare della squadra di Massimo Ficcadenti, che è riuscita ad incamerare ben 16 punti. Eguagliato anche il record di nove vittorie stagionali stabilito nel 1967. Al "Dall'Ara" i bianconeri hanno confermato di attraversare un ottimo momento di forma, non solo fisico ma anche mentale. Irriconoscibile invece il Bologna, alla quarta sconfitta consecutiva: la squadra di Alberto Malesani in caduta libera non conosce vittoria dal 13 febbraio scorso.

 

Ficcadenti non ha rinunciato all'affezionato 4-3-3, con Giaccherini davanti al fianco di Bogdani e Jimenez. Malesani ha risposto affiancando a Di Vaio Meggiorini e Buscè. Primo tempo piuttosto contratto e nervoso, con poche occasioni da ambo le parti. I padroni di casa sono andati vicino a sbloccare il risultato al 20' con Di Vaio servito da Meggiorini, ma il bomber rossoblu ha spedito fuori. Ci ha riprovato al 31' da posizione defilata, ma il suo sinistro è sfilato fuori.

 

Al 42' lampo di Giaccherini sulla fascia sinistra, ma il 'folletto' bianconero è stato bloccato in extremis in calcio d'angolo da Britos. Prima del duplice fischio Perez ha infiammato il pubblico di casa con una gran conclusione che è terminata di poco a lato. Di marca Cesena il secondo tempo. I romagnoli hanno sbloccato il risultato dopo appena tre minuti con una perla di Giaccherini, che ha piazzato il sinistro all'incrocio dei pali laddove Viviano non poteva arrivare.

 

Scatenata la 'pulce' bianconera, vero incubo della retroguardia felsinea, che al 5' ha chiamato Viviano ad una splendida respinta in angolo su tiro a giro di destro. Giaccherini ha proseguito nella sua sfida personale con il portiere rossoblu al 6', con Viviano ancora una volta bravo a deviare in corner un tiro a girare del bianconero. Al 11' si è visto il Bologna dalle parti di Antonioli, chiamato ad una facile parata da una telefonata di Mudingayi.

 

Al 39' il Cesena ha condannato definitivamente il Bologna al ko con un rapido contropiede di Malonga, subentrato a Jimenez. Finale scoppiettante, con Meggiorini, che si è visto annullare un goal al 43', e Caserta, che ha sciupato il tris. Al triplice fischio è esplosa la gioia dei 3.000 tifosi presenti al Dall'Ara. Per loro una Pasqua dolcissima, con tre punti pesantissimi ed una salvezza che sembra di giornata in giornata sempre più concreta.

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Marafone
    Marafone

    grandissimi

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -