Giallo a Prato, coppia trovata uccisa. Sequestrati i fucili del padre di lei

Giallo a Prato, coppia trovata uccisa. Sequestrati i fucili del padre di lei

Giallo a Prato, coppia trovata uccisa. Sequestrati i fucili del padre di lei

Uccisi a colpi di coltello e fucile. È questa l'ipotesi che sembra prendere corpo tra gli investigatori che indagano sulla morte di Sara Baldi, laureanda di 23 anni della provincia di Prato, e Imad Merouane, marocchino di 28. I due convivevano al primo piano di via Ariosto 17 a Prato. I loro cadaveri sono stati trovati mattina dal padre di Sara, distesi su un materasso nel soggiorno. Vicino c'era una valigia che avevano preparato per una breve vacanza in montagna.

 

La casa era a soqquadro. C'era sangue in tutte le stanze, con schizzi finiti anche sul soffitto. E poi due coltelli, uno da cucina e uno a serramanico, non lontani dai corpi. Martedì si è svolta l'autopsia, disposta dai pm Eligio Paolini e Roberta Pieri, che ha consentito di trovare due ferite da arma da fuoco sui cadaveri, su un lato della testa del giovane e vicino al cuore della donna. In casa non ci sarebbero tracce di armi. Altri chiarimenti potrebbero venire dal sopralluogo del Ris di Roma.

 

I carabinieri hanno sequestrati due fucili da caccia. Appartengono a Roberto Baldi, padre della giovane. Li aveva nella sua abitazione, al piano terreno dello stesso stabile, sotto alla casa della figlia, regolarmente denunciati visto che l'uomo è un cacciatore. Baldi è stato sottoposto al guanto di paraffina. Al momento non ci sono indagati nè ipotesi di reato definite.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'uomo è il cugino di Stefano Baldi, una delle vittime del mostro di Firenze, ucciso insieme alla sua fidanzata Susanna Cambi il 22 ottobre 1981 in località 'Le Bartoline', vicino Calenzano. Fu la terza coppia uccisa dal mostro che avrebbe colpito fino al 1985, uccidendo complessivamente 16 giovani.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -