Giornalismo in lutto, addio a Sandro Curzi

Giornalismo in lutto, addio a Sandro Curzi

Giornalismo in lutto, addio a Sandro Curzi

Il giornalismo italiano piange uno dei suoi più importanti protagonisti, lo ‘storico' direttore del Tg3 (oggi consigliere d'amministrazione della Rai), Sandro Curzi. Si è spento all'età di 78 anni a Roma, al termine di una malatia che lo affliggeva da tempo. In passato era confluito all'interno di Rifondazione comunista assieme a Fausto Bertinotti, divenendo anche direttore del quotidiano "Liberazione". A 14 anni il primo impegno politico nei gruppi antifascisti.

 

Camera ardente in Campidoglio. Il Campidoglio ospitera', a partire da oggi pomeriggio, la camera adente per l'ultimo omaggio a Sandro Curzi, nella sala della Protomoteca. La camera ardente restera' aperta dalle 15 alle 18 di oggi e, ancora, dalle 10 alle 18 di domani. Lo annuncia la Rai in una nota, aggiungendo che lunedi mattina si svolgera' la cerimonia civile dei funerali.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il dolore di Napolitano. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha inviato alla famiglia di Sandro Curzi un messaggio di cordoglio. "La notizia della scomparsa di Sandro Curzi mi colpisce e addolora. E' stato uomo di schietta passione politica e di sempre viva non comune cordialita' umana. Le aspre polemiche che lo coinvolsero nel periodo della sua massima responsabilita' giornalistica non lo indussero mai ad astiose chiusure ne' ad alcuna attenuazione della sua autonomia di giudizio e del suo senso delle istituzioni".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -