Giornata Mondiale del Rifugiato: le iniziative a Ravenna

Giornata Mondiale del Rifugiato: le iniziative a Ravenna

Giornata Mondiale del Rifugiato: le iniziative a Ravenna

RAVENNA - Anche a Ravenna lunedì, 20 giugno, verrà celebrata la Giornata mondiale del Rifugiato. Tale ricorrenza è stata istituita dalle Nazioni Unite nel 2000 come occasione per ricordare la condizione di milioni di persone in tutti i continenti costrette a fuggire dai loro Paesi e dalle loro case a causa di persecuzioni, torture, violazioni di diritti umani, conflitti. A Ravenna vivono oltre 200 fra richiedenti asilo e rifugiati politici. Dal 2001 è attivo un progetto di accoglienza che si chiama Sprar

 

Lo Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) gestito oggi dal Comune di Ravenna e a livello nazionale da Anci con fondi del Ministero dell'Interno. Lo Sprar di Ravenna, che ospita 45 persone, di cui 10 donne e un bambino, offre un'accoglienza temporanea in diversi appartamenti sparsi in città, tutela legale e psicologica e dei percorsi di inserimento nella realtà socio-economica locale.

 

"Sono molto contenta di poter dare continuità a questo progetto che ribadisce la centralità della tutela dei diritti umani - afferma il neo-assessore all'immigrazione Martina Monti - Ravenna vuole essere una città aperta e accogliente e ricordo che proprio l'accoglienza, l'integrazione e la multiculturalità sono i punti cardine della candidatura a Capitale Europea della Cultura 2019".

Per la Giornata mondiale del rifugiato lo Sprar di Ravenna, in collaborazione con la Rete civile contro il razzismo e la xenofobia, Emilia Romagna Terra d'Asilo, l'associazione Città Meticcia, la Casa delle Culture e il gruppo giovanile Generazioni in movimento, ha organizzato una serie di momenti lungo tutta la giornata.

 

Dalle 10 alle 18 è possibile visitare lo stand informativo in Piazza del Popolo con materiale dell'Unhcr (Altro commissariato per i rifugiati delle Nazioni Unite), del Servizio Centrale Sprar e una serie di libri a tema.

 

Alle 20 ci sarà una cena multietnica al Centro giovani Quake (via Eraclea 25) preparata da (e in compagnia di) le rifugiate e i rifugiati politici del progetto Sprar di Ravenna. Sarà un momento di convivialità e conoscenza condito da piatti dall'Afghanistan, Somalia, Nigeria, Camerun, Kenya. La prenotazione è obbligatoria (338.1554196).

 

A seguire, alle 22.00, di fronte al Quake (Parco delle Mani Fiorite) si terrà l'evento "Restiamo Umani": il breve spettacolo "Al di là del bene e del male" di TeatrOnnivoro, musiche, filmati, reading e il lancio di 100 lanterne luminosi recanti la scritta, appunto, "Restiamo umani". Il tutto dedicato a Vittorio Arrigoni ma anche a tutti coloro che muoiono nella ricerca della pace, come tutti i caduti nelle rotte delle migrazioni.

La serata si concluderà con musica africana con dj Frank alla consolle.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quest'anno l'Unhcr dedica la Giornata Mondiale del Rifugiato al 60° anniversario della Convenzione di Ginevra del 1951 relativa allo Status dei rifugiati, il primo accordo internazionale che impegna gli stati firmatari a concedere protezione a chi fugge dalle persecuzioni per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo sociale o per opinioni politiche.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -