Giorno del Ricordo, Bonaccini: "Tante vittime innocenti che non possiamo dimenticare"

"Una memoria condivisa per ricordarci come i muri, le divisioni siano un'aberrazione che si contrappone alla libertà, alla civiltà, alla democrazia"

"Tante vittime innocenti, molte trucidate, e il dramma di moltissimi italiani, persone e famiglie costretti a fuggire dalle loro terre e dalle proprie case. Non si possono dimenticare, rappresentano l'ennesimo monito che la storia ci consegna affinché l'uomo non ricada nell'orrore. E conservare la verità storica del nostro passato, con obiettività, vuol dire anche guardare con speranza al futuro, per evitare appunto che i drammi si perpetuino e che sul sacrificio dei nostri connazionali non prevalga il silenzio”.

Così il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, alla vigilia del “Giorno del Ricordo”, il 10 febbraio, istituito dalla Repubblica italiana al fine di rinnovare la memoria della tragedia delle foibe e dell'esodo degli istriani, dei fiumani e dei dalmati italiani costretti a fuggire dalle loro terre durante la Seconda guerra mondiale e nell'immediato dopoguerra al confine orientale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Oggi viviamo in un’Italia che deve guardare alle lezioni del passato per trarne un insegnamento, e ciò che accadde sta a testimoniare come ogni razzismo e ogni discriminazione etnica siano alla base della storia più drammatica, scritta dall’odio. Una memoria condivisa e veritiera serve a farci capire come i muri, le divisioni siano un’aberrazione che si contrappone alla libertà, alla civiltà, alla democrazia”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -