Giovedì il quarto anniversario della morte di Marco Pantani

Giovedì il quarto anniversario della morte di Marco Pantani

CESENATICO – Ricorre giovedì il quarto anniversario della morte di Marco Pantani, avvenuta il 14 febbraio del 2004 al residence “Le Rose” di Rimini. Per l’occasione lo Spazio Pantani, il museo dedicato al ‘Pirata’ allestito nei pressi della stazione di Cesenatico, regalerà a tutti i visitatori una copia gratuita del passaporto su cui il campione scrisse il suo testamento prima di morire. Venerdì sera al teatro comunale incontro pubblico con campioni e amici del Pirata.


Il libro della madre: “Era mio figlio” - E’ destinato a far discutere a lungo il libro su Marco Pantani in uscita martedì 12 febbraio, a due giorni da quarto anniversario della morte, avvenuta il 14 febbraio del 2004 al residence “Le Rose” di Rimini. L’ultima rivelazione di “Era mio figlio”, il libro scritto dalla madre Tonina Belletti assieme al giornalista Enzo Vicennati ed edito da Mondadori, riguarda la gravidanza di Christine, la fidanzata danese del Pirata che nel 2002 rimase incinta di Pantani.


A quattro anni dalla scomparsa di Marco Pantani, Mamma Tonina rompe il silenzio e racconta la straordinaria parabola tragica di suo figlio, il Pirata. Dopo aver vinto le grandi corse a tappe, entusiasmando le folle come ai tempi di Coppi e Bartali, il grande campione di Cesenatico è morto il 14 febbraio 2004 in una stanza del residence “Le Rose” di Rimini.


Su Pantani è stato scritto e detto tanto, ma la voce più vicina e più titolata a parlarne non lo ha mai fatto con unl ibro. Mamma Tonina sfoglia l’album dei ricordi, raccontando di un ragazzino tenace e originale, già dotato di quella personalità che farà di lui un campione, ma anche generoso e delicato nei confronti degli altri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poi racconta la felicità di una modesta famiglia di provincia nello scoprire l’enorme talento del figlio e l’entusiasmo per le prime vittorie fino ai trionfi da professionista. Infine, Mamma Tonina accusa il mondo dello sport di essere una macchina infernale che crea fenomeni per poi stritolarli.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -