Gira film porno, commessa costretta al licenziamento vince causa

Gira film porno, commessa costretta al licenziamento vince causa

Gira film porno, commessa costretta al licenziamento vince causa

Costretta a licenziarsi perché ha recitato in un film porno. E' quanto è accaduto ad una commessa di 27 anni in un negozio di Grosseto. La giovane si è opposta alla decisione, querelando i suoi datori di lavoro con l'accusa di violenza privata. Il giudice ha condannato ad un mese di reclusione i due titolari dell'attività, pena convertita in 1.140 euro di multa. La giovane ha chiesto un risarcimento danni di 40mila euro, ma tale sarà fissato attraverso un'altra causa.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La vicenda risale al 2005. La 27enne era stata convocata e le era stato mostrato la pellicola a luci rosse. La giovane ha negato di essere la protagonista bendata, ma ha accettato di firmare la lettera di dimissioni per tenere alto il decoro dell'esercizio commerciale. Poi si è affidata al suo avvocato, denunciando i datori del lavoro. La dipendente attende la casa che stabilisca l'ammontare dei danni che verrà stabilito in una causa civile. 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -