Giro di Padania, tutt'altro che festa: sberle a Basso

Giro di Padania, tutt'altro che festa: sberle a Basso

Giro di Padania, tutt'altro che festa: sberle a Basso

MILANO - Tutt'altro che festa al Giro di Padania. I corridori sono stati contestati nel corso della seconda tappa. Nel mirino dei contestatori sono finiti anche i principali protagonisti della corsa ciclistica, Ivan Basso e Sasha Modolo. Tra i manifestanti che hanno tentato di bloccare la seconda tappa anche i segretari provinciali di Prc e Pd, Marco Ravera e Livio Di Tullio, quello della Cgil, Francesco Rossello e altri militanti del centrosinistra.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prima di ripartire, Modolo e Basso si erano recati dal presidente della Monviso-Venezia, Michelino Davico per chiedere a nome dei partecipanti che il pubblico rispetti la corsa. "Per noi questi comportamenti sono inaccettabili - hanno evidenziato Modulo e Basso -. Siamo degli sportivi, ci alleniamo e fatichiamo quotidianamente per poter correre, non accettiamo che i nostri sforzi vengano resi vani in questo modo".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -