Hera pubblica o privata? Le città romagnole vanno in ordine sparso

Tempo di scelta per il rinnovo fino a giugno 2015 dei patti di sindacato di primo e secondo livello di Hera da parte dei Comuni romagnoli soci della multiutility.

Tempo di scelta per il rinnovo fino a giugno 2015 dei patti di sindacato di primo e secondo livello di Hera da parte dei Comuni romagnoli soci della multiutility. Venerdì la commissione Bilancio del Comune di Ravenna ha dato il via libera a maggioranza e nella seduta del 18 dicembre il consiglio comunale dirà definitivamente la sua.  Dal patto ha già deciso di uscire il Comune di Forli'.

RAVENNA. Cosi', spiega l'assessore al Bilancio di Ravenna, Valentina Morigi, per garantire la tenuta della compagine societaria i Comuni di Ravenna, Imola e Trieste vincolano le azioni libere all'interno del patto, in modo da garantire che il 51% delle azioni resti almeno per i prossimi sei mesi in mani pubbliche. Per Ravenna si tratta di vincolare tutte le azioni disponibili, 86 milioni invece di 68. "In questi sei mesi- commenta Morigi- dovra' svilupparsi un dibattito politico che interessi non solo i consigli comunali in qualita' di azionisti, ma anche le forze politiche della nostra regione, sul controllo della società Hera e sul futuro dei servizi pubblici locali".

RIMINI. Giovedì era toccata al consiglio comunale di Rimini direi di si' al rinnovo fino alla fine di giugno 2015, con 18 voti favorevoli, 6 contrari, 2 astenuti.

CESENA. Stessa scelta per l'assise di Cesena. I patti di sindacato sono stati rinnovati GIOVEDìi con il voto favorevole del Partito democratico e dei gruppi Libera Cesena e Cesena siamo noi, contrario il Movimento 5 Stelle. Anche a Cesena, spiega il vicesindaco con delega al Bilancio, Carlo Battistini, si sta pensando di vendere una quota delle azioni per recuperare risorse da investire nel progetto per il campus universitario, che in tutto ne chiede 17. Si punta a recuperare almeno sette milioni di euro, con l'universita' che ne mettera' otto.

FORLI’. Chi e' per ora uscito dai patti di sindacato e' appunto il Comune di Forli' con il sindaco Davide Drei in attesa di cambiamenti nel modello e nelle scelte per valutare un possibile rientro a giugno. Una scelta certamente "lecita", commenta Battistini, ma "spiace per l'unita' dei Comuni". (Agenzia Dire)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -