I segreti della Notte Bianca a Bertinoro e Cesena. Lucchi: "Ne vale la pena"

I segreti della Notte Bianca a Bertinoro e Cesena. Lucchi: "Ne vale la pena"

Il Sindaco di Cesena, Paolo Lucchi, in redazione

Quali sono i ‘segreti' per fare funzionare le Notti Bianche? Lo spiegano a Romagnaoggi.it il Sindaco di Cesena, Paolo Lucchi e quello di Bertinoro, Nevio Zaccarelli. A Cesena, nel 2009, c'è stata la Notte della Cultura, "che ci ha consentito di dare spazio ad un pubblico più ampio e più consapevole", spiega Lucchi. A Bertinoro Fricò Royal ha portato, secondo le stime di vigili e carabinieri, circa 15mila persone: "Spendendo molto meno portiamo molta più gente", aggiunge Zaccarelli.

 

Dopo la Notte d'Oro di Ravenna, anche il Sindaco, Fabrizio Matteucci, si è dimostrato entusiasta commentando la grande affluenza di pubblico come "un fiume di gente lungo la città".

 

I segreti sono due secondo Lucchi: "Le grandissime capacità di organizzazione dell'assessorato alla cultura e la grande collaborazione tra pubblico e privato nell'organizzare iniziative tutte sulla stessa linea: l'ambito culturale. Ne vale la pena. Credo che Cesena diventerà una città ‘alla moda'".

 

"Differenziando l'evento dal punto di vista culturale - assicura Zaccarelli - la gente non viene per sballarsi. Dai 15 ai 60 anni, c'èrano spettacoli adatti per ogni fascia di età".

 

Ma quanto costa un  evento di questo tipo. A Cesena sono stati finanziati, quasi interamente dagli sponsor, circa 75mila euro. A Bertinoro, spiega l'assessore alla cultura Mirko Capuano, "per le spese artistiche il Comune ha tirato fuori circa 10mila euro. Non abbiamo avuto nessun problema di ordine pubblico: fino alle 2 c'erano famiglie con i passeggini".

 

Chiara Fabbri

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -