Il centro-sinistra dell'Emilia-Romagna è con lo sciopero della Cgil

Il centro-sinistra dell'Emilia-Romagna è con lo sciopero della Cgil

Il centro-sinistra dell'Emilia-Romagna è con lo sciopero della Cgil

BOLOGNA - La maggioranza di centrosinistra in Emilia-Romagna si schiera al fianco della Cgil e dello sciopero generale del prossimo 25 giugno. Gian Guido Naldi (Sel-Verdi), Roberto Sconciaforni (Federazione sinistra), Marco Monari (Pd) e Sandro Mandini (Idv) hanno infatti presentato una risoluzione che esprime la "piena condivisione delle motivazioni e degli obiettivi alla base dello sciopero generale indetto dalla Cgil per il prossimo 25 giugno".

 

"La manovra finanziaria del Governo- scrivono i consiglieri- scarica la crisi sul settore pubblico per i tagli imposti alle Regioni e agli Enti locali e per il peggioramento delle condizioni di tutto il lavoro pubblico, nello specifico, dei lavoratori precari, delle donne, degli insegnanti, degli operatori sanitari". Secondo i firmatari del documento, inoltre, "il congelamento per tre anni delle retribuzioni dei dipendenti pubblici e il blocco del turn over sono misure socialmente inique, perche' discriminano un'intera categoria di lavoratori, cosi' come assolutamente inique e irragionevoli sono le norme relative all'innalzamento dell'eta' di pensionamento per tutti i lavoratori di circa un anno, l'imposizione della soglia dei 65 anni di eta' per le donne del pubblico impiego e il mancato

finanziamento della cassa in deroga per il 2011".

 

Infine, il centrosinistra definisce il ddl sull'arbitrato "un attacco al diritto del lavoro, che ha implicazioni molto piu' pesanti del gia' gravissimo aggiramento della legge che prevede il

licenziamento solo per giustificato motivo". (Dire)

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di fabrizio bazzocchi
    fabrizio bazzocchi

    Finalmente qualche segnale di opposizione seria a questa vergognosa cricca dei berluscones.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -