Il Cesena crolla anche in Coppa Italia, contestato Ficcadenti: ''Non mollo''

Il Cesena crolla anche in Coppa Italia, contestato Ficcadenti: ''Non mollo''

Il Cesena crolla anche in Coppa Italia, contestato Ficcadenti: ''Non mollo''

CESENA - Il Cesena crolla anche in Coppa Italia. Al ‘Dino Manuzzi', contro il Novara capolista in serie B, la squadra di Massimo Ficcadenti è uscita sconfitta per 3-1. Sono stati i supplementari ad essere fatali per i bianconeri, passanti in vantaggio al 44' del primo tempo con Schelotto. Gli ospiti hanno trovato il pari al 9' della ripresa con capitan Rubino. Quindi hanno chiuso definitivamente i conti con Evola (15' pts) e con un rigore di Guillaume Gigliotti (5' sts).

 

Ficcadenti ha schierato il tradizionale 4-3-3 con Ighalo, Malonga e Schelotto in attacco e Cavalieri a difendere la porta al posto di Antonioli. Poche le azioni incisive nella prima metà che ha visto un buon Cesena all'attacco e sicuro anche in difesa. Il primo brivido i padroni di casa è arrivato al 22'. Scavone lanciato in area da Shala è inciampato permettendo a Cavalieri una facile presa.

 

Tra le fila bianconere si è distinto Malonga, autore di un'azione che ha messo a dura prova la difesa del Novara recuperando una palla a centro campo che Ighalo ha calciato dal limite dell'area non finalizzando. Finalmente il Cesena ha trovato il goal al 44esimo con tiro dall'area di Schelotto su cross di Lauro. Fontana ha respinto sul palo ma la palla si è insaccata in rete.

 

Uno dei pochi colpi di scena in una partita non molto sentita da entrambe le formazioni. La seconda metà si è aperta subito con la squadra di casa in difficoltà; Scavone a pochi minuti dall'inizio ha messo a dura prova la difesa bianconera con un bel tiro che si è spento di poco sopra la traversa. Al 9 ‘Rubino ha riaperto i giochi, trovando il pareggio. A quel punto Ficcadenti si è giocato la carta Jimenez. I padroni di casa sono così andati a caccia del goal vittoria.

 

La traversa di Caserta e un tiro da 25 metri del giocatore bianconero di poco sopra l'incrocio sono stati solo un illusione. Con il trascorrere dei minuti è salita la tensione tra le formazioni. Ammoniti per scorrettezze Benalouane e Shala scontratisi a centro campo Il Novara ha preso sempre più convinzione, dominando nel possesso palla. Per il Cesena Lauro è il migliore in campo. Pochi gli spettatori: 2194 totali di cui solo una decina tra le fila del Novara.

 

Sono i supplementari ad essere fatali per i bianconeri. Nonostante i pochi tiri in porta, la difesa del Cesena è stata violata per ben due volte di cui una in calcio di rigore. Evola è andato in rete al 15mo dopo aver recuperato palla e aver saltato due uomini. Il Novara ha chiuso definitivamente i conti al quinto del secondo tempo supplementare con rigore segnato da Guillaume Gigliotti per un fallo di Benalouane su Emanuel Gigliotti. La partita è stata tesa, si segnalano ben 4 cartellini gialli.

"Fino al novantesimo è stata una partita equilibrata - ha dichiarato Ficcadenti - è giusto cambiare formazione per dare spazio ad altri giocatori. Ci stava che avessero delle difficoltà e così è stato, speriamo di non ripetere gli stessi errori domenica". In merito alle contestazioni della curva nei suoi confronti, il mister ha detto: "Mi sono sempre guadagnato sul campo la fiducia di giocatori, presidenza e tifosi. Io non mi fermo".

Dall'inviato Alessandro Mazza

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -