Il Cesena esce a testa alta da San Siro: l'Inter vince, il Cavalluccio convince

Il Cesena esce a testa alta da San Siro: l'Inter vince, il Cavalluccio convince

Il gol di Chivu che ha deciso il match (foto tratta da www.inter.it)

MILANO - Il Cesena esce a testa alta da San Siro nel recupero della sedicesima giornata di serie A. I bianconeri vengono sconfitti per 3-2 dalla corazzata Inter. Reti tutte nel primo tempo: Eto'o al 14°, Milito al 15°, Bogdani al 22°, Giaccherini al 29° e Chivu al 45°. Cesena che ha giocato l'ultimo quarto d'ora in 10 per l'espulsione (dubbia) di Giaccherini, ma che ha tenuto testa alla squadra nerazzurra, sfiorando addirittura il pareggio con Budan nel finale nonostante l'inferiorità numerica.

 

Più luci che ombre, quindi, nella formazione di Ficcadenti. I bianconeri sono entrati in campo molto contratti, forse pagando l'emozione del ‘Giuseppe Meazza'. E dopo un quarto d'ora il solito, strepitoso Samuel Eto'o ha portato in vantaggio l'Inter con un perfetto diagonale e ha dato il via all'azione del 2-0, realizzato da Milito. Poteva preannunciarsi una grandinata di gol per i bianconeri, ma l'Inter ha pensato di aver già chiuso la pratica dopo un quarto d'ora e Colucci e compagni ne hanno subito approfittato. Dopo l'ennesima occasione per Eto'o, il Cesena ha trovato con Bogdani il gol del 2-1, subito dopo l'uscita di Milito per un leggero infortunio.

 

L'Inter ha continuato a sonnecchiare e il Cesena non si è fatto pregare due volte. Su un perfetto lancio dalla trequarti, Giaccherini è partito alle spalle di Lucio e, tenuto in gioco da Maicon, ha insaccato al volo di destro. Due a due e tutto da rifare per i nerazzurri, colpiti soprattutto nell'orgoglio. L'uscita di Milito per Biabiany si è fatta sentire: pessima, davvero pessima la prestazione del francese che non ne ha combinata una di buono. Così come Pandev che, dopo l'assist per il gol di Milito, si è spento per tutto il match venendo spesso fischiato dal pubblico.

 

E allora ci ha pensato Chivu che su assist di Maicon ha colpito di testa per il 3-2 nell'unico minuto di recupero decretato dall'arbitro.

 

Il secondo tempo è partito con l'Inter che ha subito cercato il 4-2. Ci è andata vicinissimo soprattutto con Eto'o, che ha letteralmente rischiato di spaccare la traversa con un destro dai 7 metri. Il Cesena ha retto l'urto dei nerazzurri, sperando di giocarsi tutto nel finale. E così è stato. L'espulsione di Giaccherini (per doppia ammonizione, entrambe dubbie) ha complicato le cose a Ficcadenti che ha provato a inserire la carta Budan per Jimenez. E quasi indovina la mossa giusta: l'ex giocatore di Atalanta e Parma ha infatti sfiorato per due volte il pareggio, ma prima ha tirato debole tra le braccia di Castellazzi e poi ha sparato a lato da posizione defilata.

 

Il match si è chiuso con il Cesena all'arrembaggio e l'Inter che si difende. Un finale imprevisto per una partita che dopo 15 minuti pendeva vertiginosamente dalla parte dell'Inter. Cesena che esce con zero punti dal Meazza, dove tornerà domenica sera per il posticipo contro il Milan, ma ampiamente a testa alta. Giocando così, la salvezza non è poi così lontana.


Mattia Mazzocoli

 

 

 

Il tabellino:

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

INTER-CESENA 3-2
Marcatori: 14' Eto'o, 15' Milito, 23' Bogdani, 29' Giaccherini, 46' Chivu

Inter: 12 Castellazzi; 13 Maicon, 6 Lucio, 23 Materazzi, 26 Chivu; 4 Zanetti, 19 Cambiasso, 5 Stankovic; 27 Pandev (40' st 2 Cordoba); 22 Milito (20' 88 Biabiany- 30' st 20 Obi), 9 Eto'o.
A disposizione: 21 Orlandoni, 11 Muntari, 17 Mariga, 39 Santon.
Allenatore: Leonardo.

Cesena: 1 Antonioli; 77 Ceccarelli,, 25 Von Bergen, 6 Lauro (19' st 29 Dellafiore); 18 Parolo, 14 Colucci, 24 Sammarco (24' st 8 Caserta); 10 Jimenez (33' st 11 Budan), 70 Bogdani, 23 Giaccherini.
A disposizione: 33 Calderoni, 3 Pellegrino, 4 Appiah, 17 Malonga.
Allenatore: Massimo Ficcadenti.

Arbitro: Nicola Russo di Nola
Note. Ammoniti: 36' Materazzi, 1' st e 29' st Giaccherini, 41' st 15 Benalouane. Espulsi: 29' st Giaccherini. Spettatori: 52.507
Tempi di recupero: 1'-3'

Commenti (6)

  • Avatar anonimo di Marc
    Marc

    Zampanò ha ragione. Ovviamente NON si può parlare di vantaggio che EVIDENTEMENTE non si concretizza e l'azione incriminata non è riferibile alla casistica del doppio tocco ma piuttosto a quella dell'intervento scomposto nella propria area. E se diamo un voto all'arbitro questo un errore da "5", quello del 2° giallo Giaccherini è da "0"!

  • Avatar anonimo di Zampanò
    Zampanò

    La regola citata da manVel si applica SOLO quando il pallone è calciato da un avversario a distanza ravvicinata (esempio il rigore della Roma di ieri, se avesse colpito ad esempio il ginocchio prima del braccio). Mentre nel caso del fallo di mano di Chivu la palla proveniva da un cross laterale e dopo una svirgolata dello stesso difensore il tocco di braccio ha impedito che la palla arrivasse pulita all'avversario. Il vantaggio non si è concretizzato, e l'unico vantaggio su un fallo da rigore è il goal. Ergo il rigore c'era ed era pure netto. A maglie invertite sarebbe stato dato e nessuno si sarebbe scandalizzato...

  • Avatar anonimo di concime
    concime

    Daccordo con manVel, il secondo giallo non ci stava anche perché uno punisce la perdita di tempo e giaccherini non aveva bisogno di perdere tempo. Il rigore però non c'è, anche perché Budan ha preso la palla e ha provato a sfruttare il vantaggio. Cmq grande Cesena, così ci si salva, anzi, vi salvate.

  • Avatar anonimo di manVel
    manVel

    Io credo che l'arbitro non abbia inciso sul risultato... Perchè credo che anche con Giaccherini in campo il Cesena avrebbe faticato a pareggiare. Però l'espulsione è stata davvero inventata. Per quanto riguarda il rigore, giusta la decisione dell'arbitro. La REGOLA dice che se il pallone viene prima toccato con un'altra parte del corpo per poi finire sulla mano, non è calcio di rigore. E in effetti Chivu ha toccato di mano involontariamente dopo aver svirgolato il pallone col sinistro. Quindi giusto così. Ad ogni modo grande Cesena, continuando così ci salveremo.

  • Avatar anonimo di Zampanò
    Zampanò

    Bisogna dire la verità...l'espulsione è stata una scosa scandalosa e lascia parecchi dubbi sulla buona fede dell'arbitro... Si può sbagliare e dare un rigore generoso o un goal in fuorigioco...ma un secondo giallo così, in serie A io non lo avevo mai visto... ...e guarda caso il tutto a favore dell'Inter

  • Avatar anonimo di Marc
    Marc

    Il rigore non concesso al Cesena e soprattutto il secondo giallo a Giaccherini(dimostrazione di scarsa intelligenza arbitrale....) lasciano MOLTO perplessi!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -