Il curriculum dei quattro candidati di Verdi-Sel

Il curriculum dei quattro candidati di Verdi-Sel

FORLI' - Ecco chi sono i quattro candidati per le Regionali per l'alleanza tra Verdi e Sinistra Ecologia e Libertà:

 

Riccardo Caporali, 57 anni, residente a cesena, dopo aver a lungo insegnato all'I.T.C.
"R. Serra" di Cesena, da undici anni è docente di Filosofia morale all'Università di Bologna. E'
presidente dell'Istituzione Biblioteca Malatestiana. Dal 1980 al '95 è stato capogruppo, prima del
Pci e poi del Pds, in consiglio comunale a Cesena. Da quella data non è più stato iscritto a nessun
partito fino all'anno scorso, quando ha aderito a Sinistra e Libertà; Nel 1991 è stato tra i fondatori
dell'Associazione politico-culturale "La parola", nella quale ha svolto la funzione di coordinatore
quasi ininterrottamente fino al 2006. Nell'omonimo giornale dell'associazione tiene dal '92 la
rubrica "Barbària. Cronache dall'ultima luna"; Si candida perché:
«- in Italia c'è un'emergenza democratica che richiede l'impegno di tutti;
- mi fa orrore che nel mio Paese i magistrati siano costretti a sfilare nelle aule dei tribunali con la
Costituzione in mano;
- mi fa orrore il razzismo;
- non mi piace un Paese nel quale le differenze sociali sono le più marcate tra tutti quelli europei;
- non mi piace un Paese che umilia il suo più importante fondamento costituzionale: il lavoro;
- non mi piace un Paese nel quale si distruggono scuola e cultura;
- sono di sinistra, cioè penso all'uguaglianza e alla solidarietà come alla bussola di ogni scelta
politica;
- non credo alla sola protesta, o alla pura testimonianza, ma alla necessità di trasformare i principi
in concreta, tenace, paziente azione di governo;
- l'Emilia-Romagna è una delle regioni più civili d'Europa, ma non vive fuori dalla crisi;
- la grande storia democratica della nostra Regione sia la prima forza del suo futuro;
- nel centro-sinistra c'è bisogno di più sinistra, anche nella nostra regione;
- la politica è per me la passione di una vita.»


Debora Guardigli, nata a Forli' il 26/09/1965, dove risiede con il compagno e la figlia di
8 anni.
Ha lavorato presso la Confesercenti provinciale forlivese dal 1985 al 1992; da agosto 1992 è
dipendente della Direzione provinciale delle Poste di Modena, sino a gennaio 1998; da quella data
lavora all'INPDAP (Istituto Nazionale Previdenza Dipendenti Amministrazioni Pubbliche) di Forlì,
nel settore Credito e Benefici Sociali. E' RSU all'interno dell'INPDAP, eletta nella lista della CGIL
e sta ricoprendo il secondo mandato. Laureata in SCIENZE GIURIDICHE presso l'Università di
Urbino nel 2007, ora è al secondo anno della specializzazione in SOCIOLOGIA - POLITICHE
SOCIALI E SANITARIE presso la facoltà di Scienze Politiche di Forlì. Non ha mai ricoperto
incarichi politici ma la politica è, per lei, un credo e una passione. Attivista di Sinistra Ecologia e
libertà, si batte e si candida per sostenere, tra gli altri, alcuni valori fondamentali, quali: la laicità
dello Stato, il diritto e la tutela del lavoro, la partecipazione dei cittadini alla politica, il
mantenimento dei diritti di cittadinanza acquisiti, la cultura vista come momento aggregativo, lo
sviluppo sostenibile.


Nicoletta Naldini, nata a Cesena l'8/1/1977 e cresciuta a Forlì, è da sempre impegnata
nello sviluppo di un modello economico e sociale più ecologico, più rispettoso dell'ambiente e dei
suoi abitanti. A livello professionale ha lavorato all'interno di contenitori culturali e di promozione
di eventi, portando anche nell'ambito lavorativo e nella pratica quotidiana la forza della nuova green
economy. La riconversione ecologica della nostra economia, infatti, è l'unico strumento che ci
permetterà di superare i difetti strutturali che hanno portato all'attuale crisi, evitando il continuo
ripetersi di cicliche bolle speculative causate dall'indifferenza verso ogni criterio di sostenibilità
economica ed ambientale delle nostre azioni. I margini per migliorare ci sono in tutti i settori:
produzione e consumo critico, riduzione delle filiere e sostegno dei GAS, energie rinnovabili,
riduzione dei rifiuti, agricoltura biologica difesa dalla minaccia degli OGM, stop al consumo di
territorio. Iscritta ed attivista verde, sostiene con questa candidatura l'alleanza elettorale ed il
contributo che queste due forze politiche possono dare al programma ed all'azione della coalizione
di centro-sinistra.


Ivano Vespignani, Originario di Lugo di Romagna dove è nato il 27 febbraio 1952, si è
laureato in Pedagogia e in Storia contemporanea all'Università di Bologna. Sposato, con una figlia,
dal 1982 vive a Rocca San Casciano. Segretario comunale del PCI e del PDS, è stato vicesindaco e
assessore con delega ai lavori pubblici e all'urbanistica (1990-1999), consigliere comunale (1990-
2004) e consigliere della comunità montana (1993-1999).
Docente di lettere nelle scuole medie dal 1976, ha insegnato nel Vicentino, poi a Portico-S.
Benedetto (1983-84), Tredozio (1984-86), Modigliana (1986-94), Dovadola (1994-1999); dal 1999
è in servizio a Rocca San Casciano. È autore di numerose pubblicazioni di storia locale su Rocca
San Casciano, la Romagna Toscana e la regione romagnola.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -