Il giallo delle gemelline, spunta il testamento del padre

Il giallo delle gemelline, spunta il testamento del padre

Il giallo delle gemelline, spunta il testamento del padre

FOGGIA - Nel giallo di Cerignola spunta il testamento di Matthias Schepps, il 43enne di nazionalità svizzera che si è ucciso giovedì sera gettandosi sotto un treno. Gli inquirenti l'hanno trovato nella sua casa di Saint Sulpice in Svizzera, dove viveva da solo dopo la separazione dalla moglie. Quest'ultima, invece, risiedeva in un'altra abitazione a Losanna, insieme alle figlie Livia e Alessia, gemelle di 6 anni, di cui si sono perse le tracce.

 

Il 43enne ha lasciato una casa alla moglie e gli altri averi alle due figlie e ad altri parenti, manifestando intenzioni suicide come ha fatto in una cartellina spedita alla moglie da Marsiglia proprio intorno al 31 gennaio, giorno della scomparsa. In entrambi i documenti non si accenna alla sorte delle bambine. Gli investigatori stanno accertando alcune segnalazioni giunte in queste ore. In particolare sembra che il 43enne, dopo aver rapito le figlie, si fosse imbarcato a Marsiglia per la Corsica.

 

Nell'isola sarebbe stata segnalata la presenza sia del padre che delle due figlie. Da qui poi si sarebbe imbarcato per Napoli. Al momento non c'è alcuna certezza del viaggio effettuato dall'uomo e sul quale gli investigatori stanno cercando di avere ulteriori riscontri. Nel frattempo domenica mattina sono proseguite le ricerche delle due bambine, anche con l'uso di cani "molecolari" in grado di seguire le tracce di persone scomparse anche annusando le molecole sospese in aria.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -