Il giallo di Melania, la vittima ha lottato contro l'assassino

Il giallo di Melania, la vittima ha lottato contro l'assassino

Il giallo di Melania, la vittima ha lottato contro l'assassino

ASCOLI - Non ci sarebbero ancora indagati nell'indagine sull'omicidio di Carmela Melania Rea, la 29enne originaria del Napoletano, ma residente a Folignano (Ascoli Piceno) scomparsa il 18 aprile da Ascoli Piceno e trovata morta due giorni più tardi a Ripe di Civitella (Teramo). Dai primi esiti dell'analisi del corpo della donna risulterebbe che le coltellate inflitte a Melania sono state tutte potenzialmente mortali ma nessuna sarebbe stata letale.

 

La 29enne sarebbe morta per dissanguamento, dopo una lunga agonia. La giovane madre ha provato a difendersi dal suo assassino, ma non ha graffiato chi l'ha uccisa. Per questo motivo sotto le sue unghie non sono rimaste tracce su cui gli inquirenti possano cercare il Dna del o dei killer.

 

E dalla scarsa presenza di tracce ematiche, nei pressi della casupola dove è stato trovato il corpo senza vita della donna, la morte sarebbe probabilmente avvenuta altrove, in uno dei boschi fra Colle San Marco e le Casermette, ad una decina di chilometri.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -