Il giallo di Melania, Parolisi tace davanti al gip

Il giallo di Melania, Parolisi tace davanti al gip

Il giallo di Melania, Parolisi tace davanti al gip

TERAMO - Ancora una scena muta di Salvatore Parolisi. Il caporalmaggiore dell'Esercito, in carcere con l'accusa di aver ucciso la moglie Carmela Melania Rea, si è avvalso della facoltà di non rispondere davanti al gip di Teramo, Giovanni Cirillo, nel corso dell'interrogatorio di garanzia. Parolisi, al termine dell'udienza, durata poco meno di 30 minuti, ha avuto un fitto colloquio con gli avvocati Walter Biscotti e Nicodemo Gentile.

 

Secondo il gip Cirillo c'è il pericolo di reiterazione del reato da parte di Parolisi, rinchiuso in carcere prima a Marino del Tronto ad Ascoli ed ora a Castrogno a Teramo, dal 19 luglio. Si tratta di un altro elemento che va ad aggiungersi al mosaico dei presupposti su cui il giudice ha basato la misura cautelare della custodia in carcere del caporalmaggiore. Per il giudice, gli indizi di colpevolezza sul marito della ventinovenne di Somma Vesuviana ci sono tutti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -