Il giallo di Melania, sulla siringa non c'è il Dna della vittima

Il giallo di Melania, sulla siringa non c'è il Dna della vittima

Il giallo di Melania, sulla siringa non c'è il Dna della vittima

ASCOLI - Non c'è il Dna di Carmela Melania Rea nè quello del marito Salvatore Parolisi sull'involucro esterno della siringa trovata infilzata nel cadavere della donna, trovato il 20 aprile scorso nel bosco di Ripe di Civitella (Teramo). Sono invece ancora in corso gli esami sulle tracce di liquido misto a sangue all'interno della siringa. E ci sono ancora dubbi sul luogo del delitto: troppo poco, per una decesso per dissanguamento, il sangue trovato nella pineta di Ripe.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E nel frattempo ha ripreso vigore la pista del killer donna sulla base della relazione consegnata agli inquirenti dal colonnello Giorgio Manzi, del Reparto analisi criminologiche. Sul fronte delle indagini sono usciti di scena una guardia penitenziaria e un altro amico del marito della donna che abitano nel suo palazzo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -