Il giallo di Sarah Scazzi, la madre: "Dal cellulare spunti per indagine"

Il giallo di Sarah Scazzi, la madre: "Dal cellulare spunti per indagine"

Il giallo di Sarah Scazzi, la madre: "Dal cellulare spunti per indagine"

ROMA - Il ritrovamento del telefonino è "un indizio per le indagini" e può "portare ad alcune soluzioni". Parla Concetta Serrano Spagnolo, madre di Sarah Scazzi, la 15enne scomparsa il 26 agosto scorso ad Avetrana. Il ritrovamento del cellulare da parte dello zio della ragazza, Michele Misseri, mentre era a lavoro in un uliveto, segna un punto importante delle indagini sulla sua scomparsa e si aprono nuovi scenari.

 

Sul giallo della presunta sorella segreta di Sarah ha dichiarato: "Sono dicerie. I giornalisti vogliono raccontare le storie come dicono loro". Le ricerche si concentrano nel podere dove mercoledì è stato ritrovato il cellulare le ricerche, mai sospese. L'area si trova al confine dalle province di Taranto e Lecce, in agro di Porto Cesareo, lungo la strada che collega Avetrana con Nardò.

 

Si cercano ora eventuali altre tracce della ragazza che nel giorno della scomparsa con sè portava uno zainetto con il telo da mare che non è stato mai ritrovato. Le ricerche vengono condotte anche dai sommozzatori che stanno perlustrando i pozzi e cisterne della zona.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -