Il giallo di Sarah Scazzi, spunta il supertestimone

Il giallo di Sarah Scazzi, spunta il supertestimone

Il giallo di Sarah Scazzi, spunta il supertestimone

AVETRANA (Taranto) - C'è un supertestimone nell'indagine sulla scomparsa di Sarah Scazzi, la 15enne di cui non si hanno più notizie dal 26 agosto scorso. Si tratta di un'automobilista che in quel pomeriggio stava attendendo la moglie in via Pirandello. Ad un certo punto ha visto una vettura di color scuro, condotta da un uomo, procedere lentamente in via Sanzio con direzione di via Kennedy.

 

Pochi minuti più tardi lo stesso è stato visto procedere a velocità elevata facendo il percorso inverso verso il fondo alla via prima di perdersi in lontananza. L'ora in cui è avvenuto questo episodio era proprio quella della scomparsa. Un altro particolare che non è sfuggito al testimone è quello di non aver sentito urla d'aiuto. Questo fa supporre che la ragazza sarebbe salita volontariamente da qualcuno che conosceva bene o di cui si fidava.

 

Nel frattempo gli accertamenti svolti dagli specialisti del Ris sul cellulare della ragazza trovato dallo zio Michele Misseri in un podere hanno consentito di appurare che il telefonino non era stato abbandonato il giorno della scomparsa. Anzi, la sensazione è che ci sia arrivato molto dopo. Probabilmente poche ore prima che venisse scovato dal papà di Sabrina, l'inseparabile cugina di Sarah. L'uomo sarà ascoltato mercoledì mattina dai magistrati.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -