Il giallo di Sarah Scazzi, ''Sabrina piange ed è demoralizzata''

Il giallo di Sarah Scazzi, ''Sabrina piange ed è demoralizzata''

Il giallo di Sarah Scazzi, ''Sabrina piange ed è demoralizzata''

AVETRANA - "La chiamata in correità di Sabrina non è credibile perché Michele Misseri non è più attendibile: ha cambiato spesso versione. Di lui non ci si può fidare". E' quanto ha affermato l'avvocato Vito Russo che, insieme alla moglie, l'avvocatessa Emilia Velletri, difende Sabrina Misseri, accusata di concorso con il padre in omicidio e sequestro nei confronti della cugina Sarah Scazzi. Per l'accusa è stata la ragazza a trascinare nel garage della sua abitazione la vittima.

 

Ma per l'avvocato Russo, a Michele Misseri (reo confesso di aver assassinato la nipote) "gli è stato suggerito di adottare questa strategia per ottenere uno sconto di pena". Nel frattempo l'avvocato della famiglia Scazzi, Nicodemo Gentile, intervenendo allo speciale di La7 incentrato sul delitto di Sarah, ha evidenziato come tutta la famiglia sia "sconvolta e confusa per via del nuovo scenario". "Ogni giorno al dolore si aggiunge dolore, al dramma si aggiunge dramma", ha aggiunto.

 

"La mamma di Sarah e' preoccupata. Pietrificata - ha continuato Gentile -. La posizione di Sabrina e' complicata e difficile ma dobbiamo attendere le sue difese". L'avvocato che difende gli interessi di Sabrina Misseri è convinto dell'innocenza della ragazza e per questo motivo ha richiesto l'incidente probatorio. Sabato mattina Vito Russo ha incontrato la ragazza in carcere: "Non fa altro che piangere ed è anche demoralizzata".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -