Il ministro Matteoli: "Cesena può diventare territorio di cerniera"

Il ministro Matteoli: "Cesena può diventare territorio di cerniera"

Il ministro Matteoli e Luca Bartolini (PdL)

CESENA - I progetti relativi all'E45-E55 sono indicativi di un "governo del fare". Lo dice a Cesena il ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli, ospite del convegno dedicato alla presentazione dell'asse viario che rappresenta il più grande investimento autostradale attualmente esistente in Italia (9,5 miliardi di euro). Matteoli ricorda che "il programma di opere strategiche contenuto nella legge obiettivo del 2001 sta diventando giorno per giorno realtà".

 

E Cesena, "punto di incontro di ben tra assi può diventare un territorio cerniera" dei grandi trasporti. Il ministro ricorda quindi "il capillare lavoro fatto dal governo in venti mesi, con 154 miliardi di opere approvate dal Cipe di cui 63 miliardi cantierati". Si tratta "di una lavoro di sette anni, dico sette perché ci sono stati due anni in cui le opere sono state bloccate perché c'erano al governo forze politiche che ritenevano che non andavano realizzate e le abbiamo viste qui fuori a distribuire volantini".

 

Il riferimento è al volantinaggio dei Verdi, fuori dall'aula magna della facoltà di Psicologia, a Cesena. Ma con l'arrivo del nuovo governo Berlusconi "è esplosa la coscienza del fare, non è più possibile fermarsi davanti ad una minoranza che dice no". Un "errore", apre Matteoli, fatto "da governi centristi, di destra e di sinistra". Quindi l'invito a lavorare in modo bi-partisan: "Sono un politico fin da ragazzo e credo nel dialogo tra istituzioni: il problema delle infrastrutture non ha colore politico, se prevale la tessera in tasca e non l'interesse generale, le opere non si riescono a fare".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -