Il ministro Meloni porta in Parlamento il progetto 'Naso rosso'

Il ministro Meloni porta in Parlamento il progetto 'Naso rosso'

Il ministro Meloni porta in Parlamento il progetto 'Naso rosso'

Partirà a marzo il progetto 'Naso rosso', contro l'abuso di alcool. E' stato presentato mercoledì mattina, a Palazzo Chigi, dal ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, dal sottosegretario all'Interno, Alfredo Mantovano e dal direttore dell'Osservatorio fumo, alcol e droga dell'Istituto superiore di sanità (Iss), Piergiorgio Zuccaro. Il progetto sperimentale coinvolgerà 10 Regioni, "ed è affidato proprio all'Iss per cercare di dare scientificità all'intervento", ha spiegato il ministro.

 

"Tre direttive: prevenzione e informazione nei locali notturni attraverso volontari formati dagli esperti dell'Iss, che si troveranno negli stessi luoghi di aggregazione giovanile; formazione di quanti lavorano nei locali, per esempio barman e buttafuori, che devono diventare operatori sociali; e infine sperimentazione di nuovi modelli di intervento, tra cui il progetto di soccorso per riportare a casa chi ha bevuto troppo", continua la Meloni.

 

In Canada esiste un progetto simile da anni, che ha messo al sicuro, dalla discoteca alla propria abitazione, oltre un milione e mezzo di persone, tropo ubriache per mettersi al volante. "Anziché accompagnare solo a casa, noi vogliamo fare prevenzione all'interno dei locali, provando a spostare prima nel tempo la nostra azione di intervento contro gli incidenti stradali", ha precisato il ministro.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il progetto ci consente, dopo rapporti tesi tra governi e gestori dei locali da ballo e di divertimento, di individuare chi è veramente intenzionato a collaborare, distinguendo così i gestori responsabili da quelli privi di scrupoli". Costo del progetto 2 milioni di euro, a cui se ne affiancano altri 3, messi a disposizione con un bando pubblicato in Gazzetta Ufficiale da pochi giorni, rivolto alle associazioni intenzionate a fare la loro parte promuovendo progetti finalizzati al miglioramento della sicurezza stradale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -