Il Papa: "La crisi non è stata superata''

Il Papa: "La crisi non è stata superata''

Il Papa: "La crisi non è stata superata''

CITTA' DEL VATICANO - "L'umanità appare ancora segnata dalla drammatica crisi che ha colpito l'economia mondiale e ha provocato una grave e diffusa instabilità sociale". Lo ha affermato il Papa Benedetto XVI al Corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede nella tradizionale udienza d'inizio anno. "La mentalità corrente, egoistica e materialistica, dimentica dei limiti propri a ciascuna creatura, minaccia il creato", ha aggiunto il Pontefice.

 

Secondo il Papa l'egoismo, alla base della crisi economica, è anche la causa del degrado ambientale. "Vent'anni fa, quando cadde il Muro di Berlino e quando crollarono i regimi materialisti ed atei, non si è potuto avere la misura delle profonde ferite che un sistema economico privo di riferimenti fondati sulla verità dell' uomo aveva inferto, non solo alla dignità e alla libertà delle persone e dei popoli, ma anche alla natura, con l'inquinamento del suolo, delle acque e dell'aria", ha aggiunto.

 

"La negazione di Dio sfigura la libertà della persona umana, ma devasta anche la creazione - ha proseguito -. Ne consegue che la salvaguardia del creato non risponde in primo luogo ad un'esigenza estetica, ma anzitutto a un' esigenza morale, perché la natura esprime un disegno di amore e di verità che ci precede e che viene da Dio".

 

Il Papa, facendo riferimento alla conferenza sul clima di Copenaghen che si è svolta a dicembre, si è augurato che "nell' anno corrente, prima a Bonn e poi a Città del Messico, sia possibile giungere ad un accordo per affrontare tale questione in modo efficace. La posta in gioco è tanto più importante perché ne va del destino stesso di alcune Nazioni".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -