Il violinista Uto Ughi inaugura il San Leo Festival 2011

Il violinista Uto Ughi inaugura il San Leo Festival 2011

Il violinista Uto Ughi inaugura il San Leo Festival 2011

Nel 2010 fu Ennio Morricone, insignito della cittadinanza onoraria dalla Città di San Leo e protagonista di un concerto memorabile. Per il 2011 la Capitale del Montefeltro accoglie un'altra leggenda italiana della musica nella persona del grande violinista Uto Ughi, che inaugurerà il San Leo Festival 2011, la fortunata rassegna musicale ideata e curata dal M° Stefano Cucci, in programma nella città leontina dal 4 al 28 luglio.
 
Sarà nella splendida Cattedrale romanica che il 4 luglio alle ore 21 l'immenso Uto Ughi violino solista e direttore dei Filarmonici di Roma, aprirà il Festival interpretando Le Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi.
A questo primo e imperdibile evento seguiranno il 12 luglio nel Torrione sud del Forte, la Maratona Listz, nel duecentesimo anniversario dalla nascita, proposta in duo dai pianisti Marco Forgiane e Manuel Clerici,  il 19 luglio nel piazzale del Forte si esibiranno gli Ottoni dell'Accademia Nazionale di S. Cecilia con un programma insolito che va dal Rinascimento al Jazz, mentre il 28 luglio chiuderà la rassegna il Coro Goffredo Petrassi, insieme ai solisti di A.T.R. Musica, diretti da Stefano Cucci nella Petite Messe Solennelle di Rossini.
 
"Nonostante le difficoltà oggettive, grazie alla sensibilità delle istituzioni come Regione Emilia Romagna, Provincia di Rimini e Amministrazione Comunale di San Leo e con il supporto degli sponsor, abbiamo istituito un cartellone di richiamo" dice il Maestro Cucci "attraente e non stravagante legato dal filo conduttore della qualità dei concerti e dei musicisti ma anche dal fatto che per ogni concerto ci sia un grande esecutore originario del territorio: Novafeltria, Pennabilli e San Leo".
 
Grandi compositori e grande musica in una rassegna concepita per abbracciare l'intera San Leo, dalla Pieve alla Cattedrale ed il Duomo fino a giungere al Forte, con suggestioni armoniche che diventano tutt'uno con la città richiamando un'atmosfera sospesa, quasi onirica.  Per questo motivo e per le impagabili sensazioni che regala, il San Leo Festival richiama ogni anno artisti di grandissimo livello e un vasti pubblico di ogni età e cultura.
 
"La musica rappresenta la cultura di una nazione e la nostra manifestazione", prosegue il Maestro Cucci, direttore artistico del Festiva. "vuole fondere la suggestione di un'antichissima città che fu capoluogo della contea di Montefeltro e teatro di battaglie civili e militari per due millenni fino a diventare (962-964) Capitale del Regno Italico con il suono che si perde e si esalta tra la Cattedrale, il Palazzo Mediceo ed il piazzale del Forte dove ,imprigionato, morì Cagliostro. La musica classica è una parte fondamentale della nostra cultura, della nostra storia, della nostra identità."
 
Al Maestro Cucci ha fatto eco l'Assessore al Turismo della Provincia di Rimini Fabio Galli che ha avuto parole di apprezzamento e ammirazione per l'Amministrazione Comunale di San Leo che "ha fatto tutto con i propri mezzi e con il valore del proprio staff e collaboratori". S. Leo, sita a circa 600 s.m. sul mare, su un enorme masso roccioso tutt'intorno invalicabile ed a cui si accede per un'unica strada tagliata nella roccia, è in lizza per diventare patrimonio dell'umanità dell'Unesco.
 
Il San Leo Festival 2011 è un'iniziativa culturale promossa dal Comune di San Leo, gestita ed organizzata dalla Società San Leo 2000 Servizi Turistici S.r.l.
Informazioni e prevendita dei biglietti presso l'Ufficio Turistico I.A.T., telefono 0541/926967 e 0541/916306,  info@sanleo2000.it, www.san-leo.it

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -