Imola, ConAmi in aiuto dell'autodromo. Sindacati preoccupati

Imola, ConAmi in aiuto dell'autodromo. Sindacati preoccupati

Imola, ConAmi in aiuto dell'autodromo. Sindacati preoccupati

IMOLA - "Chiederemo al piu' presto un incontro con l'amministrazione per conoscere i contenuti dell'operazione. E' chiaro che non saremo d'accordo con un utilizzo privatistico delle risorse pubbliche". Mentre il ConAmi promette ai fornitori di Formula Imola di saldare i debiti di tasca propria, mettendo a disposizione tre milioni di euro, i sindacati vogliono vederci chiaro. Lo fanno sapere i segretari imolesi di Cgil e Cisl, Elisabetta Marchetti e Danilo Francesconi.

 

Entrambi hanno spiegato di aver appreso dalla stampa (e non dall'amministrazione) la mossa del Consorzio. Ora entrambi vogliono "conoscere esattamente cosa sta succedendo, e quali sono le conseguenze pratiche di questa operazione". Percio' al piu' presto busseranno a Palazzo comunale per chiedere un incontro. Presteremo molta attenzione a come vengono utilizzate le risorse pubbliche- annuncia Marchetti- visto che discutiamo ogni giorno di un calo di queste. Vogliamo anche conoscere le conseguenze di una eventuale prosecuzione del fallimento".

 

Anche Francesconi, prima di sbilanciarsi vuole "capire meglio", ma intanto osserva che "cosi' come sembra, l'operazione non ci convince molto". E sulla questione interviene anche la coordinatrice imolese del sindacato autonomo Csa, Marina Giambi, che fa sapere di essere "arrabbiata" per la scelta del ConAmi: "Le municipalizzate nascevano per calmierare i prezzi- ricorda- ma oggi sappiamo cosa paghiamo e cosi' profumatamente? Il gas d'inverno e' come acqua. E quante persone abbiamo visto risparmiare sul gas quest'anno?".

 

Riducendo la questione ai minimi termini, infatti, sembrerebbe che con i soldi delle bollette dei cittadini, il ConAmi ripiani parte dei debiti di una societa' a maggioranza privata (l'80% e' di Motorsport Eventi), che svolge tutt'altra attivita' rispetto ai servizi comunali (gestisce l'Autodromo di Imola), e che e' stata dichiarata insolvente dal Tribunale fallimentare di Bologna. (Dire)

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -