Imola: Haworth, accordo sottoscritto in Regione

Imola: Haworth, accordo sottoscritto in Regione

Nella giornata del 30 novembre è stato sottoscritto, alla presenza dell'Assessore alle attività produttive della Regione Emilia Romagna Duccio Campagnoli, dell'Assessore al lavoro della Provincia di Bologna Anna Pariani e dai sindaci dei comuni di Imola e San Giovanni in Persiceto il verbale di accordo che sancisce il ricorso alla Cassa integrazione straordinaria per la durata di due anni per i lavoratori e lavoratrici della  Haworth.

 

«Questo accordo è stato l'epilogo di una difficile trattativa cominciata circa dieci mesi fa - spiegano Morena Visani, segretaria della Fillea-Cgil di Imola, e Luigi Albonetti della Filca-Cisl di Imola - a seguito dell'annuncio da parte della multinazionale americana della volontà di procedere alla chiusura immediata dello stabilimento di Imola con il  licenziamento di circa 160 lavoratori tra i due stabilimenti a fronte di una grave crisi finanziaria del gruppo italiano accompagnata dal repentino aggravarsi della situazione di mercato. Nel corso di questi mesi il lungo lavoro svolto ai tavoli di trattativa ha permesso di raggiungere questo accordo che respinge il progetto iniziale dell'azienda rispondendo alle richieste delle organizzazioni sindacali e delle Istituzioni di utilizzare gli ammortizzatori sociali oggi disponibili che si concretizzano in una richiesta di cassa integrazione straordinaria di due anni per riorganizzazione aziendale».

 

Tale percorso di riorganizzazione prevede un Piano che si svilupperà nel prossimo biennio (sono previsti  incontri trimestrali al fine di verificarne lo stato di attuazione) con l'intervento di investimenti. Si conferma il sito produttivo di Imola in via temporanea sino al trasferimento delle attività residue presso lo stabilimento di San Giovanni. Contemporaneamente verrà aperta una procedura di mobilità che prevede la fuoriuscita di personale volontario o di personale che maturerà i requisiti per il pensionamento.

Sei mesi prima della scadenza della cassa straordinaria è previsto un incontro tra le Parti al fine di verificare la situazione a quel momento dove ovviamente verranno discusse le misure più idonee da adottare.

L'accordo vedrà poi un prosieguo della trattativa tra le Parti con il coinvolgimento delle Istituzioni sui  processi di formazione, riqualificazione e ricollocazione del personale che verrà posto in in Cigs.

«Questo punto - concludono Visani e Albonetti - è la sfida maggiore a cui tutti oggi siamo chiamati anche in considerazione dell'attuale stato di crisi che non permetterà il riassorbimento ad esempio delle tante donne attualmente occupate a Imola».

Nei prossimi giorni verrà presentata richiesta presso il Ministero del Lavoro per la formalizzazione dell'accordo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -