Imola, in Consiglio si litiga ancora sull'autodromo

Imola, in Consiglio si litiga ancora sull'autodromo

IMOLA - Non ci sara' nessuna commissione Autodromo, o almeno, non prima delle elezioni regionali. E' la risposta del presidente Gilberto Cavina (Pd), alla richiesta delle minoranze inoltrata sei giorni fa, dopo la "buca" data dalla maggioranza alla commissione Bilancio presieduta da Simone Carapia (Pdl), che ora attacca Cavina. "Il presidente della commissione Autodromo, dopo ben sei giorni si e' degnato di rispondere ad una legittima richiesta dei gruppi di minoranza", e inoltre "si e' dimenticato di mettere la data, e di inviarla al presidente della commissione Bilancio disconoscendo il ruolo e mancando di rispetto in primis al presidente,poi a tutti i  commissari di quel consesso", scrive Carapia.

 

Il presidente della commissione Autodromo nella sua spiegazione spiegherebbe che "per la maggioranza la questione fallimento Formula Imola e' gia' stata trattata ampiamente e non  ci sono novita'", ma, affonda Carapia, "peccato che il presidente abbia fatto solamente due commissioni e non 20, e soprattutto continuino a mancare ancora diverse risposte alle domande fatte dai consiglieri, dai commissari e soprattutto dalla cittadinanza sulla gestione della risorsa piu' importante della citta'".

 

Alla stessa commissione Autodromo, inoltre, ha dato disponibilita' a partecipare ("se invitato") il curatore fallimentare, Fabrizio Carbone. A questo punto, prosegue Carapia, la prossima commissione Bilancio e' convocata per il 1 aprile, cioe' "per il dopo elezioni, cosi' le cassandre e i grilli parlanti del centrosinistra imolese non hanno piu' la scusante della visibilita' di Carapia o della propaganda del Pdl per le regionali". Pero', conclude il consigliere Pdl, "li invito a non venire con dei pesci d'aprile, perche' fino ad oggice ne hanno propinati gia' tanti fuorimese e stagione".

 

E l'ultima stoccata di Carapia e' ancora per Cavina: "Vorrei ricordagli che presiede una commissione denominata Autodromo. Io spero che questo empasse di Cavina e della maggioranzasia causato dalla paura di perdere consenso perche' altrimenti sarebbe davvero molto preoccupante per l'intera vicenda e soprattutto per la citta'".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -