Imola, l'autodromo festeggia il suo papà

Imola, l'autodromo festeggia il suo papà

Imola, l'autodromo festeggia il suo papà

IMOLA - Il 7 aprile ricorre il centenario della nascita di Francesco Costa, ideatore e creatore dell'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola e figura di spicco del motociclismo dagli anni '50 agli anni ‘80. Grazie alla sua grande passione, portò l'impianto imolese ai massimi livelli di notorietà, organizzando manifestazioni che sono tutt'ora pietre miliari nella storia del motociclismo. In particolare la 200 Miglia e la Daytona d'Europa, che ebbe un successo senza precedenti.

 

Per ricordare questa importante ricorrenza, si terrà sabato 9 aprile alle ore 11.00 auna conferenza celebrativa al teatro Ebe Stignani di Imola. Alla manifestazione parteciperanno i figli, Carlo e il dott. Claudio Costa, i campioni del mondo della velocità Marco Lucchinelli, Mario Lega, Virginio Ferrari, Eugenio Lazzerini, Loris Capirossi, Franco Uncini e Fausto Gresini; il campione mondiale di cross Andrea Bartolini e il 16 volte tricolore Emilio Ostorero. Le celebrazioni proseguiranno in occasione del Revival della 200 Miglia, che si terrà all'Autodromo di Imola dal 30 settembre al 2 ottobre.

 

"Checco Costa rappresenta una pietra miliare nella storia del motociclismo mondiale -ha esordito l'amministratore delegato dell'impianto del Santerno, Walter Sciacca -. La sua vena creativa, unita ad una passione senza confini, ha fatto di lui un precursore nell'ideazione e nella organizzazione di eventi memorabili, come la 200 Miglia. Ma la sua grande "invenzione" è stata l'Autodromo. Grazie a lui Imola è divenuta famosa in tutto il mondo e la fama generata dalla figura di Costa continua ad accompagnare il nostro impianto".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questa celebrazione, e quelle che ci saranno in occasione del Revival della 200 Miglia, è il giusto riconoscimento ad un grande uomo ed ad un grande appassionato; e i suoi figli, Claudio e Carlo, continuano a tenere viva la passione che Checco metteva con il suo impegno. Un esempio per tutti noi", ha concluso.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -