Imola, ladro seriale rapina uno spacciatore. Entrambi finiscono nella rete dei Carabinieri

Imola, ladro seriale rapina uno spacciatore. Entrambi finiscono nella rete dei Carabinieri

Imola, ladro seriale rapina uno spacciatore. Entrambi finiscono nella rete dei Carabinieri

IMOLA - Presi due piccioni con una cava: i Carabinieri hanno catturato un ladro seriale ed un pusher. Tutto ha avuto inizio venerdì mattina, quando una dipendente di un'azienda agricola  di Sesto Imolese, si è accorta un algerino, un 17enne con precedenti, residente a Imola, aveva appena rubato un'auto dalla ditta. Il giovane extracomunitario tuttavia non è riuscito ad allontanarsi perchè la vettura continuava a spegnersi. A quel punto si è dato alla fuga a piedi.

 

>LE IMMAGINI

 

La donna ha dato subito l'allarme ai Carabinieri, i quali immediatamente hanno iniziato le ricerche che, poco più di un'ora dopo, hanno portato al rintraccio del giovane per le strade di Castel Guelfo. Subito bloccato, il ragazzo è stato trovato con 1.450 euro in contanti, un coltello a serramanico e circa 2 grammi di hashish.

 

Dai successivi accertamenti è emerso che il denaro era parte del provento di una precedente rapina in abitazione, commessa con la minaccia di un coltello (verosimilmente lo stesso posto sotto sequestro) l'8 febbraio scorso a Castel San Pietro Terme ai danni di P.M., 29enne della zona, con precedenti per stupefacenti. La giovane vittima, visto il suo curriculum criminale, ha preferito non presentare denuncia.

 

Gli uomini dell'Arma, insospettiti dalle strane circostanze della vicenda, hanno voluto vederci chiaro, perquisendo sia l'abitazione del 17enne che del pusher. Nell'abitazione dell'extracomunitario sono stati trovati un cellulare e un giubbotto risultati rubati lo scorso 8 febbraio all'interno del Palasport di via della Libertà di Molinella.

 

I due beni rinvenuti (già restituiti ai legittimi proprietari), facevano parte di un più vasto elenco di oggetti rubati dall'interno degli spogliatoi dell'impianto sportivo, ai danni dei giovani componenti di una squadra di basket che si stavano allenando. A casa del 29enne sono stati sequestrati 100 grammi di hashish suddivisi in 9 ovuli e un bilancino di precisione. Il castellano è stato arrestato: ora si trova ai domiciliari in attesa del processo.

 

Il minore invece, affidato su disposizione dell'autorità giudiziaria ad una casa di accoglienza, è stato denunciato a piede libero, oltre che per il reato di furto aggravato, anche per i reati di Rapina e ricettazione.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -