Imola, suicida l'imprenditore Roberto Ramondini

Imola, suicida l'imprenditore Roberto Ramondini

IMOLA - C'è l'ombra della depressione dietro il suicidio di Roberto Ramondini, proprietario e gestore di Villa Montrona. L'imprenditore imolese di 51 anni si è impiccato nel cuore della nottata tra mercoledì e giovedì nel capanno degli attrezzi. A trovare il cadavere è stato il suocero, che intorno alle 3.30 aveva visto la luce dell'attrezzaia accesa. La vittima lascia la moglie Edita, con la quale era legata da 13 anni, e due figlioletti. Il corpo è a disposizione del pm Alessandra Serra.

 

Ramondini aveva sofferto la scomparsa dell'amico Adelmo Soglia, detto ‘Gino', l'imprenditore imolese 63enne ucciso a colpi in testa e poi gettato nel Santerno a Codrignano, completamente nudo, con i piedi e il busto legati a due tombini. Il cadavere di Soglia venne rinvenuto il 4 agosto. E al momento non c'è ancora alcun nome sulla lista degli indagati per omicidio. Qualche anno i due erano stati anche stati soci in affari, aprendo un negozio di abbigliamento a Imola

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -