Imola, 'Sei Ore' di emozioni e spettacolo

Imola, 'Sei Ore' di emozioni e spettacolo

Imola, 'Sei Ore' di emozioni e spettacolo

La 6 Ore di Imola ha segnato il ritorno del grande automobilismo internazionale all'Autodromo Enzo e Dino Ferrari ed il ritorno in Italia del campionato endurance. Una gara spettacolare che ha regalato grandi emozioni a tutti gli appassionati che hanno seguito l'evento sulle tribune del circuito. Spettacolo di prim'ordine in pista ma anche nel paddock: sontuose hospitality e le 54 conigliette di Playboy hanno dato un tocco glamour all'intero evento, impreziosito dalla presenza di Sarah Nile, madrina della 6 Ore di Imola.

 

Per quanto riguarda la gara il dominio della Peugeot, reduce dalla debacle di Le Mans, è stato netto con il successo della coppia Bourdais/Davidson che hanno preceduto i compagni di squadra Montagny/Sarrazin e l'Audi di Fassler/Bernhard (distaccati di un giro). Un successo limpido, conquistato dopo un inizio di gara davvero combattuto che ha infiammato il pubblico presente e i telespettatori che hanno seguito la gara in diretta su Eurosport.

 

Dopo un avvio regolare, in LMP1 il primo sorpasso importante è di Montagny ai danni dell'Audi di Fassler, in quel momento in seconda posizione: da quel punto in avanti le due Peugeot hanno dato vita ad un trenino che le ha portate fino alla prima sosta senza scossoni. Le ore passano e le due Peugeot fanno il vuoto dietro di sé, costringendo entrambe le Audi ad alzare bandiera bianca.

 

Nella GTE PRO le due BMW sembravano avere messo le ali sin dai primi chilometri: Augusto Farfus ha guidato il gruppo davanti all'altra M3 di Pedro Lamy sin dall'inizio, con Fisichella in grande rimonta dalla settima posizione nel corso della prima ora di gara. La lotta per il primo posto nelle Gran Turismo a due ore dal termine diventa incandescente: Farfus è al comando, ma racchiuse in un minuto ci sono le due Ferrari di AF Corse e l'altra BMW. A circa cinquanta minuti dalla fine il colpo di scena: la BMW di Farfus e Muller viene penalizzata con uno stop and go per velocità eccessiva in corsia box. Ne approfittano immediatamente le due Ferrari F458 che conquistano la prima e la seconda posizione, che riescono a mantenere fino alla bandiera a scacchi. Primo posto dunque per la coppia Melo/Vilander su Ferrari F458 che precede i compagni di squadra Fisichella/Bruni e la BMW di Farfus/Muller.

 

Questi i risultati nella altre classi: in LMP2 la vittoria va all'equipaggio Ojjeh-Lombard-Kimber Smith su Zytek Nissan, in FLM trionfano Ducote/Marcelli/Maroc su Oreca 09, mentre in GTE AM vincono Armindo/Narac su Porsche 911.

 

Walter Sciacca (AD e Direttore Autodromo di Imola): "Al termine di questo intenso ed emozionante weekend, posso affermare con soddisfazione che la 6 Ore di Imola è stata un grande successo, non solo in pista dove le 48 vetture al via hanno offerto uno spettacolo sportivo di grande qualità. La macchina organizzativa ha funzionato ottimamente e ringrazio tutti per il lavoro svolto".

 

Mauro Manaresi

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -