Imprese, alleanza tra Emilia-Romagna e Toscana

Imprese, alleanza tra Emilia-Romagna e Toscana

Rilanciare la competitività dei sistemi produttivi ed affrontare le sfide dell'economia, particolarmente impegnative in questa fase di crisi. E' l'obiettivo dell'accordo tra le Camere di commercio dell'Emilia-Romagna e della Toscana, le cui Unioni regionali hanno siglato un protocollo di intesa.

 

Il documento, firmato dai presidenti di Unioncamere Emilia-Romagna, Andrea Zanlari e di Unioncamere Toscana, Pierfrancesco Pacini, punta a sinergie e una regia comune su progetti ed iniziative, sulla base della consapevolezza che la competitività delle aziende nell'ambito di un mercato globale è correlata all'appartenenza a filiere, distretti territoriali, raggruppamenti d'impresa e, più in generale, alla capacità di promuovere e costruire relazioni e collaborazioni in grado di superare i confini amministrativi. Le Unioni regionali delle Camere di commercio dell'Emilia-Romagna e della Toscana lavoreranno assieme per impostare iniziative comuni, in particolare su tematiche come il monitoraggio delle economie locali e l' informazione economica; lo sviluppo dei distretti industriali e dei sistemi locali; la promozione della logistica e infrastrutture di interesse interregionale. Questo impegno si realizzerà anche attraverso la collaborazione su progetti relativi alle politiche europee, a valere sulle risorse comunitarie.

 

Con circa 430 mila e 366 mila imprese attive, i sistemi produttivi delle due regioni esprimono circa il 16 per cento del Pil italiano.

 

L'Emilia-Romagna e la Toscana sono caratterizzate da sistemi economici che per modelli di sviluppo, grado di internazionalizzazione delle attività, tipologie dei settori produttivi e dimensione imprenditoriale, denotano molti punti di contatto, con il comune interesse a sviluppare collaborazioni e integrazioni produttive per elevare la competitività dei rispettivi sistemi di impresa.

 

Tra le iniziative e i progetti considerati prioritari anche la realizzazione di convegni per l'approfondimento di tematiche di interesse comune; eventi di formazione congiunta dei funzionari camerali; incontri per la presentazione di progetti ed esperienze d'eccellenza di singole Camere di Commercio o delle Unioni regionali finalizzati alla ricerca di efficienza ed economie di scala e all'integrazione dei servizi camerali.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -