IMPRESE - La faentina Mokador acquisisce Sacao

IMPRESE - La faentina Mokador acquisisce Sacao

FAENZA - L’azienda faentina Mokador, produttrice di caffè e di macchine per il caffè, ha recentemente acquisito il marchio Sacao. Questa importante novità giunge a fine 2007 e ha il sapore di una chiusura simbolica dei festeggiamenti per i 40 anni dalla fondazione di Mokador avvenuta nel 1967.


Oggi, quindi, i marchi Mokador e Sacao formano un’unica grande squadra, con una distribuzione capillare in tutta la Romagna e non solo. Infatti, sono oltre 1000 i bar gestiti dai due marchi sul territorio che va da Rimini a Bologna, a garanzia di una presenza costante e ramificata.

I due marchi Mokador e Sacao, chiarisce la direzione marketing, manterranno entrambi il proprio stile e il proprio posizionamento, in ogni caso su una linea di alta qualità per quanto riguarda prodotti, servizi e immagine. L’acquisizione è, piuttosto, il modo migliore per rafforzare la presenza sul territorio, continuando a garantire eccellenza commerciale e distributiva.


In 40 anni di attività, Mokador ha costruito un rapporto di fiducia con i clienti, osservando le evoluzioni del mercato, i cambiamenti dei gusti e delle abitudini. C’è da sempre uno scambio di informazioni che ha permesso a Mokador e ai suoi baristi di migliorarsi fino a diventare un punto di riferimento di qualità per i consumatori di caffè.


“L’acquisizione del ramo d’azienda Sacao - dicono i vertici dell’azienda Mokador - ci porta ad arrivare a 12 milioni di euro di fatturato. Questa cifra comprende sia i fatturati del canale bar con i marchi Sacao e Mokador, che godono di una importante visibilità, sia quelli del canale vending. In questo senso Mokador vanta una presenza a livello internazionale: Australia, Polinesia, U.S.A., Thailandia sono solo alcuni dei luoghi suggestivi capaci di testimoniare un grande successo che, da Faenza, porta in tutto il mondo il suo inconfondibile aroma.”




Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -